ϘΡO 710 Means Identity, la nuova segnaletica per Capo Colonna (VIDEO)

ϘΡO 710 Means Identity, la nuova segnaletica per Capo Colonna (VIDEO)


 

L’amore per la propria terra è innato, forse sopito in alcuni, per altri scontato. Ma questa che stiamo per raccontarvi è una storia diversa, che ha origini sul porto di Genova e che vede subito dopo protagonista la nostra città, e in particolare il promontorio lacinio, il luogo sacro agli Dèi: Capo Colonna. Vi è un canto liturgico del mese mariano che contiene queste parole: “volgi le care pupille a noi”. Sì, così come le pupille di Floro Veraldi, genovese ma di origine crotonesi, ha deciso di trasferirsi qui per il suo sogno, ovvero Capo Colonna.

Così come le sue pupille si dilatano alla vista del luogo sacro agli Dèi e all’unica colonna rimasta del tempio eretto, un tempo, ad Hera Lacinia. Floro si è trasferito a Crotone per lavorare e per curare Capo Colonna. Se ricordate, ha fatto stampare diverse magliette con l’acronimo ϘΡO 710 Means Identity, cioè Kroton. Il ricavato della vendita è stato donato per la nuova segnaletica utile per Capo Colonna e realizzata da Saipe: «Il mio intento ora – ha detto Floro è fare di Capo Colonna patrimonio Unesco. Ne ha pieno diritto. E far diventare questo marchio un brand. Ho fatto richiesta al Comune per pulire nuovamente Capo Colonna. Noi crotonesi, noi Krotoniati, tutti insieme per un unico scopo».

La segnaletica nuova indica l’area archeologica e l’ingresso pedonale. C’era anche il direttore del Polo Museale di Crotone, Gregorio Aversa, a cui è stata consegnata la maglietta: «Sono iniziative utili e importanti le iniziative dei cittadini – ha detto – lo stato si fonda sulla partecipazione dei cittadini, siamo tutti coinvolti. Il 2019 è andato bene per i musei di Crotone, siamo ben piazzati nelle statistiche, la Calabria ha un trend di crescita, e Capo Colonna è situata al quarto posto a livello regionale». In particolare nel 2019 si sono svolte diverse iniziative presso il Museo Archeologico Nazionale di via Risorgimento e anche in quello di Capo Colonna, con molta partecipazione dei cittadini crotonese: «Mi fa piacere, la comunità si deve sentire coinvolta, e quindi fare promozione essa stessa. Ci sono anche i turisti, che però non sono a volte ben informati, ci rimproverano questo. Dobbiamo lavorare su più fronti».

Danilo Ruberto


Come possiamo esserle utili? Chatta con noi