Da domani riflettori nazionali sul Premio Letterario Caccuri 2019

0

Dal 6 al 10 agosto 2019 a Caccuri  Massimo Giletti e Mary De Gennaro conducono la serata conclusiva. Tra gli ospiti del 10 agosto: Milena Bertolini, coach della Nazionale di calcio femminile; Jan Slangen, (già) capitano delle Frecce Tricolori.  

Cinque giorni all’insegna del dibattito culturale e dell’intrattenimento con Luciano Basile, Rita Dalla Chiesa, Nicola Gratteri, Gianluigi Nuzzi, Paolo Pagliaro, Antonio Ereditato, Mimmo Gangemi, Cataldo Calabretta, Mario Caligiuri. La manifestazione si apre il 6 agosto con una serata dedicata al territorio e al connubio tra sapore e sapere: i giovani chef stellati dialogano con gli autori, tutti calabresi. 

 Si aprirà domani, martedì 6 agosto alle ore 21, l’ottava edizione del Premio Letterario Caccuri, nella piazza antistante il Convento, nel borgo antico della Sila crotonese, con un programma ricco di appuntamenti letterari, musicali, teatrali e artistici che anticipano la serata conclusiva di premiazione del 10 agosto.

La partenza della manifestazione, dedicata alla cultura del territorio, propone un abbinamento tra sapore e sapere che vede gli chef stellati e gli autori, tutti calabresi, dialogare tra loro: Emanuele Strigaro con Filippo Veltri, Caterina Ceraudo con Mimmo Gangemi, Emenuele Lecce con Antonio Chieffallo, Antonio Biafora con Mario Caligiuri.

 Tra gli ospiti della kermesse: Paolo Pagliaro (8 agosto) affronterà con Eugenio Marino i temi del suo libro “Fermiamo il declino dell’informazione” (il Mulino), Luciano Basile (8 agosto) dialogherà con Antonio Ereditato sul libro “Il successo, il denaro o la felicità?” (Mondadori), Rita Dalla Chiesa (8 agosto) parlerà con Mary De Gennaro del libro “Mi salvo da sola” (Mondadori), Nicola Gratteri (8 agosto) discuterà con Gianluigi Nuzzi del libro “La storia segreta della ’ndrangheta” (Mondadori), Michele Zarrillo riceverà il Premio per la Musica (8 agosto), Massimo Giletti (9 agosto) si confronterà con Pietro Tarasi sul libro “Le dannate” (Mondadori) e Gianluca Guidi (9 agosto) si esibirà in un concerto jazz & swing.

La serata che decreterà il vincitore del Premio Letterario Caccuri sarà condotta da Massimo Giletti e Mary De Gennaro di Telenorba e si aprirà con il cabaret di Marta e Gianluca di ZeligLa contemporaneità è al centro dell’edizione 2019 del contest, da come lo sport può scardinare paradigmi culturali consolidati e valorizzare i giovani talenti all’impegno civile del giornalismo.

Gli ospiti della giornata conclusiva del premio: Milena Bertolini, la coach della Nazionale di calcio femminile con il suo “Quelli che il calcio e… (Aliberti); Jan Slangen, (già) capitano delle Frecce Tricolori, con “Volare alto. Appunti sulla felicità di un pilota delle Frecce Tricolori” (La Nave di Teseo) e Sigfrido Ranucci (Report) che si confronterà con il giornalista Michele Cucuzza sul ruolo del giornalismo di inchiesta nel nostro Paese.

L’Accademia dei Caccuriani, Associazione di promozione sociale e culturale, organizzatrice del contest di saggistica più importante d’Italia, nel mese di aprile ha annunciato i finalisti, per la prima volta nella sua storia quattro e non tre: Carlo Cottarelli con “I sette peccati capitali dell’economia italiana” (Feltrinelli), Emma D’Aquino con “Ancora un giro di chiave. Nino Marano: una vita fra le sbarre” (Baldini+Castoldi), Massimo Franco con “C’era una volta Andreotti. Ritratto di un uomo, di un’epoca e di un Paese” (Solferino), Enrico Letta con “Ho imparato. In viaggio con i giovani sognando un’Italia mondiale” (il Mulino).

 Il prestigioso riconoscimento, che sarà assegnato sabato 10 agosto, consiste in un premio in danaro (previsto anche per gli altri tre finalisti), oltre che nella “Torre d’argento” forgiata dal Maestro Orafo Michele Affidato. I temi di questa edizione spaziano dalla situazione economica attuale alla politica, dalle prospettive future delle giovani generazioni alle implicazioni sociali della condizione dei detenuti.

 Il pregio della manifestazione è stato riconosciuto nel 2014 anche dal Presidente della Repubblica che ha inteso premiare l’impegno, il consenso di pubblico e l’entusiasmo degli organizzatori con l’onorificenza della Medaglia al valore culturale, riconoscimento unico tra le manifestazioni culturali del Centro-Sud.

 I quattro saggi, selezionati da un comitato scientifico presieduto dallo storico Giordano Bruno Guerri, saranno votati da una giuria popolare e da una nazionale, composte in totale da 110 giurati (30 i nazionali e 80 gli accademici). Il notaio Rocco Guglielmo sarà il garante della correttezza delle operazioni di voto.

La giuria nazionale conta tra le sue fila personalità del mondo della cultura, dell’economia e del giornalismo, tra le quali: Franco di Mare (giornalista), Pino Aprile (saggista, giornalista), Alessandro Profumo (AD Leonardo Finmeccanica), Gianluigi Nuzzi (saggista e conduttore televisivo), Marco Frittella (giornalista), Antonio Ereditato (direttore Albert Einstein Institute di Berna), Maria Rosaria Gianni (responsabile cultura del TG1), Luisella Costamagna (giornalista), Piergiorgio Odifreddi (saggista, matematico),  Salvatore Silvano Nigro (docente di Letteratura italiana IULM), Corrado Petrocelli (rettore Università San Marino), Davide Giacalone (giornalista). La seconda giuria, questa volta popolare, è la Giuria degli Accademici Caccuriani, formata da 80 sostenitori dell’Associazione culturale.

 Il palmares dei vincitori del contest di saggistica delle precedenti edizioni annovera Pino Aprile, Roberto Napoletano, Barbara Serra, Claudio Martelli, Gianluigi Nuzzi, Antonio Padellaro e Nicola Gratteri. Saranno attribuiti inoltre riconoscimenti speciali per la narrativa, il giornalismo, la musica, l’economia e, più in generale, l’entertainment.

Non soggetto a voto delle due Giurie, ma di pari standing, il Premio speciale “Alessandro Salem” attribuito ai talenti del Paese e assegnato nelle precedenti edizioni ad Alessandro Profumo, Paolo Mieli, Carmen Lasorella, Antonio Azzalini, Michele Placido, Ferruccio De Bortoli e Massimo Cacciari.

I nomi dei quattro selezionati sono: Enrico Letta, politico e accademico italiano, presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014, presentandosi in concorso con il libro edito da Il Mulino Ho imparato. In viaggio con i giovani sognando un’Italia mondiale(2019). L’economista Carlo Cottarelli ambirà al premio con il saggio I sette peccati capitali dell’economia italiana (2018) edito da Feltrinelli. Il terzo finalista è la giornalista Rai Emma D’Aquino con Ancora un giro di chiave. Nino Marano. Una vita fra le sbarre (2019) edito da Baldini + Castoldi. Mentre il giornalista e scrittore Massimo Franco concorrerà con il libro C’era una volta Andreotti. Ritratto di un uomo, di un’epoca e di un Paese (2019) pubblicato da Solferino Editore.