8 marzo, Alessia Viola capitano di Calcio a 5 Femminile: «Annullare tutti i pregiudizi»

8 marzo, Alessia Viola capitano di Calcio a 5 Femminile: «Annullare tutti i pregiudizi»

Giovani e meno Giovani, mamme, nonne, zie, casalinghe o lavoratrici. Semplicemente donne che vogliono dire la loro in una società in continua evoluzione che però, ha una certezza: la bellezza dell’universo femminile. L’8 marzo si celebra la festa della donna, una ricorrenza che ha ormai alle spalle secoli di storia.

Alessia Viola è il capitano dell’Academy Crotone, squadra femminile iscritta al Campionato di Serie C di Calcio a 5. La passione per il calcio nasce quando era piccola. Lei è di Isola di Capo Rizzuto, e oggi sotto l’egida di mister Damiano Franco vive questa nuova esperienza che ci racconta in queste righe.

Innanzitutto buona festa delle donna a tutte quante, soprattutto a quelle donne che stanno lottando accanto ai loro uomini per la propria vita, quella dei loro figli e per essere libere. Un augurio speciale va alle donne giocatrici della mia squadra. da capitano dico che sono donne di avventura, donne coraggiose, donne audaci che nonostante il calcio sia considerato uno sport prettamente maschile, hanno il coraggio di annullare completamente i pregiudizi continuando a sognare obiettivi che Crotone non ha mai raggiunto.

Sono orgogliosa e fiera di avere compagne come loro e fiera di essere la loro rappresentante. Il messaggio che voglio mandare a tutte le donne è quello di non arrendersi mai poiché non esiste cosa che una donna non possa fare, nel lavoro, come nella vita privata e nello sport. La donna è guerriera e come tale è pronta a tutto.

Perché avvicinarmi al calcio a 5 e cosa è il calcio a ? E come ve lo spiego?
Il calcio a 5 per me è quando sei giunta alla macchina, dopo l’allenamento, accaldata da doccia e spogliatoi e quindi leggermente svestita, capelli che pensi di aver asciugato con una botta di phone ma tira quel venticello fresco che inizialmente sembra piacerti, ma che è il primo responsabile dei tuoi raffreddori.

Il calcio a 5 è quel posto in cui ti senti meglio, dove ti sei graffiata, dove hai sorriso e ti sei incazzata.
Quel posto che, per qualche ora, è la tua seconda casa. Se non giochi a calcio non sai quanta forza ti dia una pacca sulla spalla, di quanto sia bello poter condividere sogni e passioni. Delle corse che ti sei fatto per non fare tardi agli allenamenti. Di come ti senti mentre entri a vedere il palazzetto dove giocare, di quando trattieni il fiato nel momento in cui il mister annuncia la formazione. Solo tu sai cosa si prova.

La gioia di un gol, di una parata decisiva, di un salvataggio sulla linea. Di quanta sicurezza ti dà la prima entrata in scivolata sulla palla. Di quando ti si chiude lo stomaco perché fai fallo da rigore o segna proprio quello che stai marcando. Di come si barcolla alla fine di un allenamento estenuante, stanco che nemmeno riesci a respirare. Delle tue scaramanzie, dei tuoi rituali, delle docce fredde perché “si è rotta la caldaia”. Il calcio per me è tutto questo. Sfido voi tutte donne/ragazze a provare sulla vostra pelle queste emozioni e scoprirete che non potete più farne a meno.