Home In Provincia A Perticaro la presentazione del panino con la Podolica di Umbriatico

A Perticaro la presentazione del panino con la Podolica di Umbriatico

739
0
CONDIVIDI
Banner Ottica Sacco – News – scadenza: 30/11/2018
Il mondo della tecnologia – news- scadenza 5 novembre
Reale Mutua – sezione post
Astorino – News – scadenza: 30/11/2018
CrotoneOk – Banner News
Omcs – Banner News
Crotone Service – Banner News
Michele Affidato – sezione post
Domus Funerarium – Banner News
Rlm – Banner News

In questi giorni si stanno consumando nel nostro territorio i riti della transumanza ed  Umbriatico è il punto di riferimento regionale per il turismo naturale e paesaggistico dove per troppo tempo questa pratica era relegata ad un’attività marginale e residuale, ma che oggi stà conoscendo il suo riscatto, identità, cultura e promozione dell’entroterra montano. Sulle orme delle mandrie in migrazione.

La transumanza è il trasferimento di mandrie da un’area all’altra e consiste in uno spostamento periodico e stagionale compiuto da allevatori e pastori fra due luoghi diversi della stessa regione.

La stessa origine della parola ci fa comprendere il suo significato; la parola transumanza deriva dal verbo “transumare” che è composto da due parole latine (trans che significa “di là da” e humus che significa “terra”). Lo spostamento avviene allo scopo di assicurare agli animali le migliori condizioni di pascolo e di approvvigionamento idrico. La transumanza si compie due volte l’anno e le due fasi prendono il nome di monticazione e demonticazione.

Seguire le mandrie è un’esperienza che ti fa sentire la terra, stancarti ed asciugarti la fronte dal sudore, incedere al passo delle mandrie seguendo il ritmo del suono dei campanacci, essere al contatto diretto della natura e alla conoscenza delle tradizioni del mondo contadino. Riti che si traducono anche nei sapori e negli odori forti di una cucina antica

Umbriatico, terra di mezzo e passaggio obbligato delle mandrie in migrazione, dichiara il Sindaco Rosario Pasquale Abenante, con i suoi 5 mila capi di podolica, che con le nascite arrivano anche a 9 mila, ha tutte le carte in regola per ambire a candidarsi ad essere punto di riferimento regionale per il turismo naturale e paesaggistico. I numeri, importanti, ci sono; la partecipazione da parte di curiosi e turisti del territorio ed oltre, anche. Bisogna solo fare in modo che quest’evento storico, cresca ancora di più.

Sabato 30 giugno a Perticaro, crocevia di tutte le mandrie che transumano in Sila, si è ripetuto un appuntamento che è una tappa ormai fissa con i sapori della carne podolica. Alla presenza di tanti avventori si è voluto lanciare l’idea del panino di podolica di Umbriatico, panino studiato ad hoc per le manifestazione che esalteranno la carne podolica. In piazza P. Pio di Perticaro dopo un saluto del Sindaco e dell’allevatore Gentile, di cui abbiamo potuto ammirare la purezza delle razza podolica nella sua eleganza e forza, si sono aperte le danze con le note della musica tradizionale e gli odori della grigliata hanno stuzzicato l’appetito.

Altro appuntamento importante, che sarà di chiusura della trasmumanza, è il convegno organizzato per giorno 14 luglio sempre a coronamento del passaggio da Perticaro dell’ultima mandria.

Al convegno prenderanno parte studiosi e cariche istituzionali di primo piano e si discuterà di ” Produzioni locali e valorizzazione del territorio: il caso della podolica di Umbriatico”.

Momenti come il convegno che servono a per prendere coscienza che l’esperienza della transumanza ha segnato la storia, l’economia, la cultura, le produzioni agroalimentari e l’artigianato di gran parte della nostra Calabria.