Achei Crotone fuori dai play off dopo dieci anni, e lontani dal Settore B ancora chiuso

Achei Crotone fuori dai play off dopo dieci anni, e lontani dal Settore B ancora chiuso

Seconda partita in “casa” per i Mida Achei Crotone, domenica scorsa, che hanno sfidato gli Elephants Catania nella cornice del Curto di Catanzaro Lido, perdendo l’accesso ai play off. I siciliani si sono imposti sui padroni di casa con risultato 47-12.

I guerrieri rossoblù chiudono la stagione in seconda posizione di campionato, senza però accedere ai play off, dopo ben dieci anni. La squadra ha maturato, in questo campionato di Terza Divisione, una sola vittoria, in una stagione con i cancelli chiusi della struttura pubblica sita in via Gioacchino da Fiore. «Naturalmente il campionato è andato oltre le aspettative – ci ha detto coach Francesco Carusomolti nostri atleti sono rientrati in squadra verso la fine della stagione, in un anno segnato dalla pandemia e diverse assenze». Difficoltà registrate nelle prime gare disputate, con allenamenti svolti in periferia e lontani dal centro città, dove gli Achei si sono riuniti per anni, disputando anche tutte  le partite casalinghe di campionato. «Quello che abbiamo fatto è più di quello che si poteva sperare – ha continuato – La pandemia ha ridotto il numero del roaster, poi le strutture sportive hanno fatto il resto. Strutture dove ad esempio effettuavamo il reclutamento delle nuove leve».

L’assenza degli impianti pubblici ha penalizzato squadra e società. Mentre invece coach Wayne Jacobs rimarrà in città fino a fine luglio, godendo del mare, del clima, e della buona compagnia achea: «Dopo le riunioni del coaching staff decideremo. Ancora è prematuro, dunque, prendere una decisione».

Insieme agli Achei, anche le Athenas hanno portato zaino in spalla, viaggiando per l’Italia, per il campionato di Flag Football femminile, arrivando in ultima posizione di classifica: «La stagione è andata oltre le aspettative, le ragazze hanno affrontato una regular season con delle squadre blasonate e fortissime, in un girone difficile. Le nostre guerriere hanno segnato contro tutti, e per questo siamo orgogliosi. Hanno lottato bene e hanno giocato bene».

Rimane, insomma, la delusione per non poter giocare a Crotone e sottrarre tanti ragazzi allo sport: «Una delusione, anche per  i commenti fuori luoghi, avevamo chiesto di avere la struttura del Settore B, perchè la Terza Divisione di Foootball Americano è di interesse nazionale».


Malgrado gli Achei si fossero offerti,  a tempo debito e con largo anticipo, di mettere in sicurezza il muro crollato al settore B anticipandone le spese,  l’Amministrazione ha voluto fare da sè, senza nulla di fatto,  e proponendo la possibilità di uso della struttura quando ormai la stagione agonistica era prossima al termine e gli Achei avevano già stipulato accordi con una struttura privata per sopperire alla mancanza di strutture pubbliche.

Danilo Ruberto