Aeroporto: il “Pitagora” verso il prosieguo dell’attività volativa

Sul tavolo di Sacal il piano dell'attività volativa da e verso Bergamo e l'aggiunta di nuove rotte
0

OMI Sud – News

Il contributo dei comuni del crotonese per venire in soccorso dello scalo aeroportuale “Pitagora“. Questo l’esito dell’incontro che stamane presso Lamezia Terme ha visto oltre che la presenza di Sacal anche dei sindaci di alcuni dei comuni crotonesi.

Lo scalo crotonese dovrebbe continuare anche in futuro ad accogliere i voli da e per Bergamo anche dopo la scadenza iniziale fissata alla data di mercoledì 31 ottobre. Per garantire il proseguimento dei voli e la possibilità di poterne accogliere dei nuovi i comuni di Crotone, Petilia Policastro, Carfizzi, Cirò, Curcoli, Melissa, Cirò Marina e Isola Capo Rizzuto – rappresentati dai corrispettivi Commissari – verseranno il 15% delle royalties, mentre gli altri comuni del territorio verseranno una cifra pari a 1,40 euro per abitante.


Oltre al volo per la città del nord Italia dovrebbero aggiungersi nei prossimi mesi un nuovo volo verso una città del nord Italia e due voli a carattere internazionale.

Non una vittoria, ma comunque un primo passo importante verso la riconferma dell’attività dello scalo. «Esiste un verbale d’intesa – ha dichiarato il primo cittadino Ugo Pugliese – ma si dovrà proseguire con tutta una serie di iniziative in merito con un accordo di massima per il sostentamento dell’aeroporto. Ancora una volta i comuni si impegneranno per poter sostenere l’aeroporto e la sua gestione a condizione però che venga messo in campo un piano industriale adeguato che vada oltre al singolo  volo per Bergamo ma che possa portare all’ampliamento dell’offerta anche alla luce dell’ingente cifra che le amministrazioni si impegneranno a mettere a disposizione».