Annalisa Minetti: «Rino Gaetano batteva i pugni su tematiche importanti»

0

La cantante ed atleta paralimpica Annalisa Minetti è tornata nella nostra città come madrina speciale della Giornata Inclusiva dello Sport (leggi qui). La Lega Navale di Crotone, infatti, ha ospitato il Torneo Ludico di SkyMano che ha unito le persone della Terza Età provenienti da diverse zone della Calabria e del Lazio per giocare con la palla in mano e divertirsi insieme ai giovanissimi degli Achei Crotone, Asd Crescendo, Freedom To Play (Pattinaggio artistico), Real Kroton e Judo Milone. L’atleta paralimpica tramite l‘associazione Iride divulga questo sport per le persone più avanti negli anni, avente come obiettivo il divertimento e la coesione sociale. La giornata è stata organizzata dall’Accademia Nazionale di Cultura Sportiva (Ancs). Se ricordate, inoltre, nei giorni scorsi la cantante ha omaggiato la statua bronzea del cantante Rino Gaetano con un mazzo di rose: «Devo dire la verità  – ha detto la cantante – Rino Gaetano è ed è stato un grandissimo cantautore, è un riferimento per chi ama la musica italiana importantissimo. Grande paroliere, cantautore con molta profondità, quindi sono veramente felice di poter condividere i suoi luoghi, le sue location, quello che in qualche modo lo ha reso così intelligentemente polemico nel senso che lui nei suoi testi cercava sempre di battere i pugni sulle tematiche importanti di quel momento. Se ci fosse adesso Rino Gaetano sicuramente tratterebbe le tematiche sociali che ci colpiscono di più, così come il bullismo, il cyber bullismo e la violenza di genere. Ci vorrebbe un Rino Gaetano, ma ancora un Rino Gaetano non c’è.

Io devo dire che questo è un evento sportivo inclusivo che attraverso un nuovo sport che si chiama Skymano offre la possibilità a tutti i generi di confrontarsi nello stesso sport, nella stessa disciplina. Ed è. una cosa molta complicata. Quindi sono felice di poter promuovere lo Skymano, promuovere lo sport come mezzo educativo e comunicativo».

Danilo Ruberto