Annibale, storia del condottiero

è stata presentata presso il Museo Archeologico Nazionale di Crotone la Guida Breve dedicata alla mostra
0
Michele Affidato – sezione post

Uno dei più grandi condottieri dell’antichità, Annibale Barca, guerriero cartaginese. La mostra dal titolo “Annibale. La fine di un viaggio”, attualmente in corso presso il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna, aperta fino al prossimo 31 marzo ha visto nel pomeriggio di lunedì la presentazione presso il Museo Nazionale di Crotone della Guida Breve, opera che permette di entrare con idee chiare in questo mondo.

La mostra è pensata come un viaggio per immagini attraverso i luoghi e percorsi dal generale e filtrati attraverso la sua personalità e cultura. «L’idea è quella di far viaggiare questa mostra in tutti i luoghi che sono stati toccati da questo grande condottiero – ha dichiarato Gregorio Aversa, direttore Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna e Crotone -, mi è stato dato modo affinchè questa iniziativa venisse accolta anche anche in questa città».

L’agile volume a cura di Gregorio Aversa e di Giovanna De Sensi Sestito si articola in una serie di contributi a firma dei membri del comitato scientifico, specialisti di archeologia e antimistica. «Crotone rappresenta un momento molto importante della storica vicenda Annibalica – ha rimarcato il direttore del Museo – una vicenda che ha visto il terzo secolo in continuo subbuglio nel Mediterraneo. Annibale è riuscito in questo suo avvincente scontro con Roma a creare un tale disagio da permettergli di tenere sotto scacco l’intero Impero per circa quindici anni, un lasso di tempo importante».

Il finanziamento attraverso il quale è stato possibile allestire questa mostra arriva dalla Regione Calabria, un evento promosso dal Polo Museale della Calabria e realizzato in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica delle Arti e del Paesaggio e in collaborazione con il Parco Scientifico e Tecnologico di Crotone. Al termine di questo viaggio, la figura di Annibale emerge nella sua fisionomia di storico avversario di Roma, ma sopratutto come protagonista di questo straordinario, epico viaggio tra i continenti di Africa ed Europa.