Approvato all’unanimità dal Consiglio Provinciale il bilancio di previsione. Al via il Distretto turismo

Approvato all’unanimità dal Consiglio Provinciale il bilancio di previsione. Al via il Distretto turismo

Questa mattina nella Sala Giunta si è svolto il consiglio provinciale, sette i punti inseriti in discussione.
Presenti il presidente Sergio Ferrari, il segretario generale Nicola Middonno, i consiglieri provinciali Raffaele Gareri, Teresa Ferrazzo, Francesco Sirianni, Fabio Manica, Vincenzo Lagani, Giuseppe Fiorino, Fernando Militerno, Umberto Lorecchio, Domenico Loguarro e Giuseppe Dell’Aquila.

“Un atto dovuto e di responsabilità. – con queste parole il Presidente Ferrari ha introdotto la discussione dei punti riguardanti il documento unico di programmazione 2021/2023 e il bilancio di previsione 2021/2023 – Un’approvazione che mette nelle condizioni l’Ente di procedere lungo le linee indicate e tracciate ad inizio mandato e che hanno quale obiettivo la trasparenza amministrativa. Si lavora – ha spiegato Ferrari – ai documenti finanziari 2022/2024, che conteranno le linee strategiche di questa amministrazione e che saranno dunque lo strumento politico programmatico dell’Ente. La scadenza del 31 marzo 2022 è stata prorogata al 31 maggio 2022, ma la volontà è quella di completarli e approvarli in tempi brevissimi, l’ambizione è quella di riuscire a rispettare il termine iniziale fissato al 31 marzo”.

Documento unico di programmazione e bilancio di previsione, così come auspicato dal Presidente, sono stati approvati all’unanimità dei presenti. Regolamento dell’avvocatura provinciale e bozza del disciplinare per lo svolgimento della pratica forense presso l’avvocatura provinciale sono stati illustrati dal consigliere provinciale con delega agli Affari Legali Francesco Sirianni.

“Con il regolamento – ha spiegato Sirianni – si intende aggiornare ed organizzare l’avvocatura provinciale per consentire l’efficientamento del servizio e mettere così l’Ente nella condizione di poter anche recuperare crediti in giudizi ad oggi pendenti”.
La bozza di disciplinare per la pratica forense, è stata redatta, ha sottolineato il consigliere delegato, dopo un’interlocuzione e confronto con l’ordine degli avvocati di Crotone, e prevede requisiti, modalità per l’espletamento della pratica forense presso l’avvocatura della Provincia di Crotone.
Entrambi i punti sono stati approvati all’unanimità dei presenti.
Le finalità del Distretto Turistico Magna Graecia oltre che l’iter per la costituzione e le ragioni che ne giustificano la creazione sono state rappresentate ai presenti dal consigliere con delega al Turismo Raffaele Gareri.

“Non solo è necessario recepire la normativa che prevede l’istituzione dei distretti turistici, ma è indispensabile farlo in tempi brevi”, così il consigliere delegato.  Approvare lo schema di protocollo d’intesa mette nelle condizioni di procedere, così come illustrato anche nel corso dell’incontro che si è svolto lunedì 28 febbraio ed al quale hanno partecipato i sindaci del territorio, le associazioni di categoria, le rappresentanze datoriali e le organizzazioni che si occupano di promozione turistica, alla creazione del soggetto giuridico “Distretto Turistico- Magna Graecia”.

Soggetto indispensabile per mettere a sistema l’offerta turistica, che nella provincia di Crotone può contare su eccellenze e peculiarità e che abbraccia tutti i settori, balneare, culturale, religioso, enogastronomico, sportivo, e che con la Provincia capofila di un partenariato pubblico privato potrà intercettare risorse economiche e agevolare processi di crescita economica attraverso il coinvolgimento delle piccole e medie imprese operanti sul territorio provinciale.

La costituzione del Distretto e la volontà dell’amministrazione guidata da Sergio Ferrari di restituire all’Ente un ruolo da protagonista e da collante tra le comunità locali e il Governo regionale, hanno trovato la condivisione di tutto il consiglio provinciale.

Infine i consiglieri hanno deliberato sull’ultimo punto inserito in discussione, punto tra l’altro inserito ad integrazione del precedente ordine del giorno, su richiesta e precisa indicazione del Presidente Ferrari:Aggressione militare in atto in Ucraina- articolo 11 della Costituzione “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”- solidarietà e vicinanza alla popolazione colpita.

Con l’approvazione di questo punto il Consiglio provinciale di Crotone sostiene ogni atto assunto dal Governo italiano in accordo con gli altri Paesi dell’Unione Europea e con la Nato, e invita il Governo italiano ad attivare ogni canale e sforzo diplomatico per porre fine all’attacco in corso.