Arcuri – Megna: “I Dip certificano che neanche una pietra di Kroton vedrà la luce”

Arcuri – Megna: “I Dip certificano che neanche una pietra di Kroton vedrà la luce”

Così scrivono i consiglieri comunali Antonio Megna e Danilo Arcuri: Ancora un nuovo annuncio, ancora un nuovo inganno nei confronti dei cittadini!  Senza pudore alcuno, lo si fa, su quello che è il tema strategicamente più importante per il presente
ed il futuro della nostra città: Antica Kroton.

Un semplice atto burocratico/amministrativo, tra l’altro “tardivamente compiuto”, viene presentato  come un roboante successo.  Dopo due anni di immobilismo, consumati inutilmente da questa amministrazione inseguendo.  Rimodulazioni devastanti, da sommarsi all’anno di paralisi dovuta all’incapacità della commissaria Costantino, con tanto di rullo di tamburi e squillo di trombe, si comunica l’approvazione dei documenti di indirizzo alla progettazione (Dip).

La normalità diventa straordinarietà. La montagna ha partorito il fatidico topolino, e a vederlo bene non è venuto neanche tanto bene. L’assessore Rachele Via, addirittura, il giorno successivo all’epica fatica, tenta la carta della  notorietà, provando ad emanare una nota farneticante, con quale dichiara che dopo 12 anni dal  finanziamento si giunge finalmente ad una tappa decisiva.
Quale verrebbe da chiederci ? Per caso quella di una malsana e fuorviante propaganda, o ancor più quella di aver spostato la  centrale di committenza fuori e lontano da Crotone.

Con Invitalia, non solo non si guadagna in trasparenza ed onestà, ma si deprezza il Know-how dei tecnici del nostro Comune, non riconoscendone l’expertise maturato nel corso delle loro carriere,
oltre a negare alle imprese crotonesi di poter concorrere e magari aggiudicarsi uno ed un solo  bando, provocando, in tal modo una ferita profonda e dolorosa alla già gracile economia della
nostra città.

Quanto dispiacere nel comprendere, come questo progetto sia stato ridotto, miniaturizzato, devastato e polverizzato dalla Giunta Voce,  Quanta amarezza nel constatare che si spenderanno 30 milioni di euro senza che una sola pietra di Kroton venga riportata alla luce.

E cosi che nei tanto sbandierati Dip, che impegnano quasi il 50% delle risorse complessive di Antica Kroton non c’è neanche uno scavo, non c’è la benché minima opera di archeologia.
Il meraviglioso e ricco patrimonio di Kroton resterà, purtroppo, sepolto sotto i nostri piedi,  dimenticato da questa amministrazione che ha trasformato, con drammatica miopia, la Grande​
Kroton, in un semplice attività di Lavori Pubblici, facendo così svanire la prospettiva di un forte processo di sviluppo culturale, turistico oltre che economico occupazionale.
Quello che doveva diventare il progetto di sviluppo della città di Crotone, grazie alla miopia strategica ed alla incapacità amministrativa del sindaco Voce, si è trasformato in un’ennesima
occasione persa per il nostro territorio.

Cosa dire … Tutto ciò che Voce tocca fallisce!
I consiglieri comunali
Danilo Arcuri
Antonio Megna