Aria inquinata: esposta il 99% della popolazione

Aria inquinata: esposta il 99% della popolazione

I livelli di inquinamento atmosferico rimangono pericolosamente alti in molte parti del mondo. Nuovi dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mostrano che quasi tutta la popolazione mondiale (99%) respira aria contenente alti livelli di inquinanti.

Un numero record di oltre 6.000 città in 117 paesi sta ora monitorando la qualità dell’aria, ma le persone in quelle città stanno ancora respirando livelli pericolosi di particolato fine e biossido di azoto, le persone che vivono in paesi a basso reddito o intermedio sono le più esposte. Questi risultati hanno spinto l’OMS a sottolineare l’importanza di ridurre l’uso di combustibili fossili e adottare altre misure concrete per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico.

Secondo l’Agenzia mondiale della sanità delle Nazioni Unite, questi ultimi dati devono spingere verso la transizione energetica.

“I prezzi elevati dei combustibili fossili, la sicurezza energetica e l’urgenza di affrontare le due sfide sanitarie dell’inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico sottolineano l’urgente necessità di progressi più rapidi verso un mondo molto meno dipendente dai combustibili fossili”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale di CHI.

Le persone nei paesi in via di sviluppo più esposte all’inquinamento atmosferico
Nei 117 paesi che monitorano la qualità dell’aria, l’OMS rileva che la qualità dell’aria del 17% delle città nei paesi ad alto reddito è inferiore alle linee guida dell’OMS sulla qualità dell’aria aria per le polveri sottili (PM2,5 o PM10). I paesi a basso e medio reddito sono ancora più esposti a livelli pericolosi di particolato rispetto alla media globale.

Tuttavia, i modelli di biossido di azoto sono diversi, indicando un divario minore tra i paesi ad alto reddito e i paesi a basso e medio reddito. Nei paesi a basso e medio reddito, la qualità dell’aria in meno dell’1% delle città soddisfa le soglie raccomandate dall’OMS.

Nel complesso, le persone nei paesi in via di sviluppo sono le più esposte all’inquinamento atmosferico. Sono anche le meno coperte in termini di misurazione della qualità dell’aria, ma la situazione sta migliorando.

Inoltre, le prove relative ai danni causati dall’inquinamento atmosferico al corpo umano sono rapidamente aumentate e mettono in evidenza i danni significativi derivanti da livelli anche bassi di molti inquinanti atmosferici.

Oltre 13 milioni di morti per cause ambientali prevenibili
Il particolato, in particolare il PM2,5, è in grado di penetrare in profondità nei polmoni e nel flusso sanguigno, causando disturbi cardiovascolari, cerebrovascolari (ictus) e respiratori.

Allo stesso tempo, il biossido di azoto è associato a malattie respiratorie, in particolare l’asma. Porta a sintomi respiratori (come tosse, respiro sibilante o difficoltà respiratorie), ricoveri e visite al pronto soccorso.

Secondo l’OMS, oltre 13 milioni di decessi nel mondo ogni anno sono dovuti a cause ambientali prevenibili, inclusi 7 milioni di decessi legati all’inquinamento atmosferico.

“Dopo essere sopravvissuti a una pandemia, è inaccettabile continuare a registrare sette milioni di morti evitabili e innumerevoli anni di salute persi evitabili a causa dell’inquinamento atmosferico. Troppi investimenti sono ancora destinati a un ambiente inquinato piuttosto che a un’aria pulita e sana”, ha affermato in una dichiarazione la dott.ssa Maria Neira, direttrice del Dipartimento dell’ambiente, cambiamenti climatici e salute dell’OMS.

Raccomandazioni dell’OMS per migliorare la qualità dell’aria e la salute
L’OMS chiede un rapido aumento delle azioni per migliorare la qualità dell’aria. Ciò comporta l’identificazione delle fonti di inquinamento atmosferico. L’OMS raccomanda inoltre di sostenere la transizione verso l’uso esclusivo di energia pulita domestica per cucinare, riscaldare e illuminare.

L’agenzia delle Nazioni Unite chiede l’istituzione di sistemi e reti di trasporto pubblico sicuri e convenienti adatti a pedoni e ciclisti. Questo per applicare “standard più severi” in termini di emissioni ed efficienza dei veicoli.

Ciò comporta anche l’investimento in alloggi e centrali elettriche efficienti dal punto di vista energetico. L’OMS raccomanda inoltre di migliorare la gestione dei rifiuti industriali e urbani, ma anche di ridurre l’incenerimento dei rifiuti agricoli, gli incendi boschivi e alcune attività agroforestali come la produzione di carbone.

Fonte: Aduc.It