Caccuri uno dei borghi più belli d’Italia, insieme a Santa Severina: ben due comuni crotonesi offrono bellezza

Caccuri uno dei borghi più belli d’Italia, insieme a Santa Severina: ben due comuni crotonesi offrono bellezza

Prima della Sila greca, c’è un borgo succinto e affascinante le cui bellezze possono essere ammirate anche da chi è in viaggi per strada. Offre vari spettacoli paesaggistici e architettonici, e non è di certo avido di accoglienza. Oltre Santa Severina, anche Caccuri è uno dei borghi più belli d’Italia. Il comune della provincia di Crotone regala bellezza con il Castello eretto in epoca bizantina e che fu residenza dei Ruffo, i Barracco e i Cavalcanti. C’è anche altro spessore artistico e culturale a Caccuri, basta passeggiare per le sue vie e fermarsi con i suoi abitanti per chiedere la bontà di un dialogo o fermarsi per imboccare le vie storiche. Facendo ingresso nel borgo, ci accoglie la fontana di Canalaci, dove si può ammirare lo stemma dell’Università di Caccuri del XVI secolo. E’ scolpito in pietra serena, e non lontano da esso ci si abbatte nella villa comunale, proprio ai piedi del Castello, dove risiedono diverse rocce calcaree. Nelle rughe si snocciola la vita, e accompagnano i nostri passi alla Chiesa Madre, ovvero Santa Maria delle Grazie. Dicevamo che Caccuri non è avida di bellezza, così come un’altra bellezza del borgo è l’antico convento domenicano, chiamato anche Chiesa della Riforma o di Santa Maria del Soccorso. Per accedere alle zone rurali bisogna passare dalla “Porta Piccola”, ove è situata la Chiesa di San Rocco, il patrono di Caccuri.

Entra a pieno titolo il comune crotonese nell’Associazione dei Borghi più belli d’Italia l’8 febbraio 2020, con una cerimonia avvenuta domenica scorsa alla presenza di Fiorello Primi, presidente nazionale dell’Associazione: «L’associazione è nata nel 2001 per promuovere i piccoli centri poco conosciuti. In questi anni – ha detto – abbiamo visitato più di settecento centri abitati, e ne abbiamo scelto trecento, e tra gli ultimi c’è proprio Caccuri. Ci sono ben settantadue parametri della bellezza del borgo, una serie di criteri rigorosi, entrare è molto difficile nell’elenco dei borghi più belli – continua – e tra questi ci sono la bellezza del borgo, l’accessibilità, la vivibilità, l’accoglienza, la cura del territorio». La cerimonia si è svolta ai piedi della torre del Castello caccurese: «È una bellissima soddisfazione – ha dichiarato il sindaco di Caccuri Marianna Caligiuri abbiamo lavorato tanto nel corso degli anni per arrivare a questo risultato, ovviamente questo è soltanto un punto di partenza, un nuovo inizio per un borgo che ci auguriamo possa crescere sempre di più». «Devo dire che è un successo per Caccuri per una provincia piccola come quella di Crotone – ha concluso Bruno Cortese, coordinatore regionale Associazione Borghi più belli d’Italia – Caccuri in realtà erano anni che ambiva a questo traguardo, oggi ci è riuscita perchè ha fatto un lavoro enorme in questi ultimi anni, con il Premio Letterario Caccuri, ma anche con la tradizione storica che la riguarda, un antico borgo medievale, che ha dato i natali a tanti personaggi illustri come Cicco Simonetta. Un traguardo che ha meritato e che rafforza la provincia di Crotone».

Post Correlati