Centinaia di cittadini crotonesi alla fiaccolata silenziosa

Centinaia di cittadini crotonesi alla fiaccolata silenziosa

Manifestazione contro gli effetti del Decreto Sicurezza

Sabato sera, giorno dell’Immacolata Concezione, molte persone si sono ritrovate in Viale Regina Margherita per una fiaccolata silenziosa contro la perdita dell’umanità a seguito degli effetti del recente Decreto Sicurezza dell’attuale governo.

Al fianco dei migranti che vivono presso la stazione ferroviaria di Crotone il corteo si è snodato per Piazza Umberto I per terminare in Piazza Duomo. Associazioni, singoli cittadini e alcuni esponenti della politica locale hanno manifestato per esprimere il proprio disappunto verso gli effetti del Decreto Salvini che, di fatto, toglie gli ospiti dai centri di prima accoglienza per relegarli su strada: “Per noi sì, è importante essere qui – ha detto Filippo Sestito dell’Arci Nazionale – e dobbiamo recuperare l’umanità.

Noi siamo contenti di esserci – ha aggiunto – sperando che Crotone resti umana. E’ un decreto insicurezza, perchè crea odio, vuole creare il disagio più assoluto tra i migranti, perché sulla paura e sull’odio la Lega di Salvini vuole costruire il proprio consenso elettorale“.

Quali saranno gli effetti, dunque, di questo decreto?: “questi ragazzi – ha detto l’assessore alle politiche sociali Alessia Romano non avranno più titolarità di alcun genere ma comunque rimarranno nel nostro territorio. Mi chiedo cosa possiamo fare, come possiamo affrontare questo problema, come possiamo tutelare anche i nostri cittadini, ad esempio“.  I 24 ospiti espulsi dal Cara di Isola Capo Rizzuto, i quali non possono più beneficiare del diritto di accoglienza,  hanno trovato rifugio grazie alle associazioni presenti sul territorio.

Alla manifestazione era presente anche l’autore dell’atto eroico di fronte l’ospedale civile di Crotone, Mustafa El Aoudi.