Coppa Italia, Crotone-Messina 5-3: super Dini e il Crotone passa il turno

Coppa Italia, Crotone-Messina 5-3: super Dini e il Crotone passa il turno

#CrotoneMessina – Il Crotone B porta a casa la qualificazione ma solo ai calci di rigore. Partita difficile con due squadre colme di sostituti ma che si danno comunque battaglia più di nervi che di gioco. I tempi regolamentare finiscono in pareggio, sul due a due, con il Messina che passa in vantaggio ma che si fa raggiungere e superare da un Crotone che non ha mai mollato. Il pareggio di Konate certifica l’equilibrio della gara. Tempi supplementari a reti bianche e sui calci di rigore sale in cattedra Dini che ne para due su quattro regalando la qualificazione ai rossoblù.

 

La Cronaca

Difficile giudicare una partita quando in campo c’è una squadra formata da undici elementi che per la prima volta hanno giocato insieme i n una partita ufficiale.

Primi minuti di studio tra due squadre composte dalle seconde linee. Auteri come Lerda ha deciso di sfruttare il turno di Coppa Italia per dare minuti a chi ha giocato poco o nulla in campionato.

Al 17esimo Crotone per la prima volta pericoloso. Giannotti ruba palla a centrocampo e si invola verso la porta avversaria, entrato in area, contatto dubbio, ma il signor Galipò di Firenze decide di sorvolare. Passano due minuti e il Crotone ci prova di nuovo: Giannotti lancia lungo Pennitteri, il mancino rossoblù entra in area e poggi verso il dischetto dove arriva Panico il cui tiro però viene rimpallato.

Al 25esimo gol annullato al Messina. Punizione di Fofana dalla terequarti, la difesa rossoblù manca clamorasamente la palla che arriva a Berto che solo insacca, ma il guardialinee alza la bandierina per indicare la posizione di fuorigioco.

Al 29esimo il Messina passa in vantaggio, cross di Konate dalla destra, Dini esce in presa alta ma viene disturbato, fallosamente, da Zuppel, l’arbitro non fischia e nella mischia successiva, Berto insacca. Proteste dei rossoblù con Dini che finisce sul taccuino dell’arbitro.

La partita si innervosisce e anche Giannotti si prende un cartellino giallo.

Al 36esimo il Crotone ha la palla del pareggio ma Bernardotto, bravo a sfruttare un errore di Ferrini e a presentarsi solo davanti al portiere avversario, spreca tirando addosso a Lewandowski.

Il primo tempo termina dopo tre minuti di recupero.

Difficile dare un giudizio tecnico sulla partita. I rossoblù stanno cercando di costruire gioco ma, inevitabilmente, mancano quegli automatismi che rendono il gioco più fluido.

La ripresa comincia senza novità tra le fila rossoblù, mentre Auteri inserisce Fazzi per Versienti.

Al 53esimo Lewandowski con un erroraccio regala il pareggio al Crotone: tiro di Rojas, decisamente non irresistibile, e il portiere siciliano si fa passare la palla sotto il corpo.

Al 70esimo, il Crotone raddoppia con Pannitteri bravo ad insaccare una respinta corta di Lewandowski su tiro di Panico.

Al 76esimo il Messina pareggia: Balde controlla al limite dell’area e allarga per Konate che solo insacca all’angolino.

Lerda dà spazio anche al giovane Cantisani che inserisce al posto di un evanescente Panico, con Rojas che si sposta a sinistra e il primavera rossoblù che si piazza sulla trequarti.

Al novantesimo doppia chance per il Messina prima con Grillo e poi con Balde ma in entrambi i casi Dini si supera e respinge.

Il signor Galipò assegna cinque minuti di recupero.

Al 94esimo è di nuovo Dini a essere protagonista sempre su Grillo che si presenta solo sfruttando un buco della difesa rossoblù, ma il portiere rossoblù è di nuovo bravo a respingere.

La partita finisce sul due a due e si va ai tempi supplementari.

Il primo tempo supplementare inizia con una novità nel Crotone: mister Lerda inserisce Awua al posto di Rojas. Lerda cambia anche modulo inserendo Giron al posto di Yacubiv e passando alla difesa a tre, con il francese a fare da diga con Mogos e Papini. Le due fasce vengono affidate a Giannotti e Crialese; Vitale e Awua sulla mediana, fase offensiva affidata a Pannitteri e Cantisani, esterni, con Bernardotto punta centrale.

I primi quindici minuti passano senza grandi emozioni, con le squadre più attente a non sbagliare che a provare la giocata.

Il vero spettacolo, comunque, è sugli spalti, dove le due curve non si risparmiano nulla e danno vita ad una sfida nella sfida, fatti di cori e sfottò.

Al 19esimo del secondo tempo supplementare il Crotone ha una buona occasione con Bernardotto che sfonda in area, la palla arriva a Pannitteri che perde il tempo per il tiro, infine è Vitale ad avere la palla buona ma invece di tirare di prima stoppa e dà il tempo ai siciliani di recuperare.

A cinque minuti dalla fine Lerda gioca la carta Gomez al posto di Bernardotto.

L’arbitro assegna un minuto di recupero in cui non succede nulla e si va ai calci di rigore.

Inzia il Messina con Balde: parato da Dini che si tuffa sulla sua destra.

Il Crotone manda sul dischetto Gomez: gol, palla all’angolino.

Per il Messina tocca a Fazzi: fuori, palla alta sopra la traversa.

Per il Crotone va Giron: gol, allo stesso angolo di Gomez.

Per il Messina c’è Fiorani: gol, palla centrale con Dini spiazzato.

Per il Crotone va sul dischetto Pannitteri: gol, palla a sinistra e portieri a destra.

Per il Messina si prende la responsabilità Fofana: parata da Dini.

Il Crotone vince ai calci di Rigore e si qualifica per il prossimo turno.

Giatur

 

Tabellino

Crotone 4-2-3-1

Dini, Mogos, Yacubiv (Giron 5′ t.s.), Papini, Crialese, Carraro (Vitale 69′), Giannotti, Pannitteri, Rojas (Awua 1′ t.s.), Panico (Cantisani 84′), Bernardotto (Gomez 26′ t.s.)

A disp.: Gattuso (GK), Branduani (GK), Giron, Cuomo, Golemic, Gomez, Petriccione, Vitale, Tribuzzi, Filosa, Calapai, Cantisani, Abbruzzese, Awua.

All. Lerda

 

Messina 4-3-3

Lewandowski, Konate, Berto,  Ferrini (Trasciano 40′), Angileri, Fofana, Mallamo (Balde 61′), Versienti (Fazzi 46′), Iannone (Catania 10 t.s.), Zuppel (Grillo 61′), Napoletano.

A disp.: Daga (GK), Marino, Grillo, Balde, Filì, Catania, Trasciani, Nicosia, Fazzi, Fiorani, D’Amore

All. Auteri

 

Ammoniti: Ferrini (M) 17′; Yacubiv (C) 23′; Dini (C) 29′; Giannotti 31′; Vitale (C) 74′; Trasciani (M) 79′; Fiorani (M) 18 t.s.; Giron (C) 22. t.s.

Marcatori: Berto (M) 29′; Rojas (C) 54′; Pannitteri (C) 70′; Konate (M) 76′.