Coronavirus, si valuta la proroga dello stato di emergenza

Coronavirus, si valuta la proroga dello stato di emergenza

Coronavirus – Dopo le divisioni delle regioni per colori, secondo il grado di intensità della diffusione dei contagi da Covid-19, il Governo sta lavorando ad un nuovo Decreto, confermando il divieto di spostamento in una zona gialla e vietare anche l’asporto dopo le 18,00.

Ad affermarlo è il ministro della Salute Roberto Speranza nell’informativa alla Camera sulle misure anti-Covid. «Quando tutti i parametri peggiorano contemporaneamente abbiamo l’obbligo di prendere nuove misure e il governo ritiene inevitabile prorogare al 30 aprile stato di emergenza. Questa settimana c’è un peggioramento generale della situazione epidemiologica in Italia, aumentano le terapie intensive, l’indice Rt e focolai sconosciuti. Non facciamoci fuorviare. l’epidemia è nuovamente in una fase espansiva”.


Il Dpcm dovrebbe essere presentato il 16 gennaio 2021, estendendo la zona arancione verso le regioni a rischio alto di contagio: “A livello nazionale – ha continuato Speranzail tasso di occupazione delle terapie intensive torna ad attestarsi sopra la soglia critica del 30% e c’è un drammatico mutamento dell’indice di rischio attribuito alle Regioni: 12 regioni e province autonome sono ad alto rischio, 8 sono a rischio moderato di cui 2 in progressione a rischio alto e una sola regione è a rischio basso”.

Anche se il Comitato Tecnico Scientifico vorrebbe prorogare lo stato di emergenza fino al 31 luglio.