Cresce Lamezia e si rilancia Crotone

La Sacal, società di gestione degli aeroporti calabresi, pubblica i dati di settembre 2018
0
Omcs – Banner News

Traffico passeggeri ancora in crescita. Continua, anche nel mese di settembre 2018 il trend di crescita dell’Aeroporto di Lamezia Terme, che si conferma l’asset principale all’interno del sistema aeroportuale calabrese. A renderlo noto è la Sacal, società di gestione degli aeroporti calabresi.

L’aeroporto lametino ha infatti registrato un incremento del 14% e del 16 % in termini di passeggeri e movimenti rispettivamente: 299.793 passeggeri e 2.275 movimenti. Il dato più interessante è quello relativo alla presenza dei passeggeri internazionali, 109.962 rispetto ai 92.492 del 2017.

Un dato, quest0’ultimo che riguarda anche la presenza di visitatori nella nostra regione. Una crescita – scrive però Sacal – che interessa l’intero sistema aeroportuale e che vede l’aeroporto di Reggio Calabria registrare un seppur timido 2% rispetto al mese precedente ed il rilancio dell’aeroporto di Crotone che neanche questa volta, aggiungiamo noi, ha deluso le aspettative di Ryanair che ancora una volta ha deciso di puntare sul Sant’Anna. Secondo quanto scritto nella nota stampa divulgata da Sacal si tratta di «una crescita che è frutto dell’impegno profuso nell’ultimo anno dal Management della Sacal e dalle sinergie messe in campo con gli Enti pubblici, ma anche attestazione che la Calabria ha avviato un processo di destagionalizzazione dei flussi turistici, grazie soprattutto ad un sistema aeroportuale efficiente che migliora l’ accessibilità alla regione».

E mentre si festeggiano i dati si spera che questo «rilancio dell’aeroporto di Crotone», possa essere l’inizio di una nuova storia per l’infrastruttura pitagorica. Non più aperture, chiusure o sospensioni dei voli, ma continuità dell’attività volativa in tutti i mesi dell’anno. I numeri ci sono, le compagnie interessate, a quanto pare, anche, l’impegno è stato annunciato da tutte le partii coinvolte, non ci resta che aspettare.

Nel frattempo fino ad Aprile volerà solo il Bergamo. Poi, in piena primavera, finalmente si potrà raggiungere Bologna, una delle ente più richieste dai cittadini crotonesi. Il futuro però non si sa cosa ci riserva. Manca il piano industriale, ma il territorio ha bisogno di certezze e soprattutto ha bisogno di collegamenti con altre città.