Crotone, ai piedi del Bastione San Giacomo “Il frutteto di Claudia”

Crotone, ai piedi del Bastione San Giacomo “Il frutteto di Claudia”

Ce ne fossero persone come Claudia, Roberta, Pasquale, o Rita. Ne beneficerebbe Crotone, con i suoi verdi arbusti e la cura verso gli spazi comuni, come l’Orto Candela, il fazzoletto di terra ai piedi del Bastione San Giacomo e curato dai volontari, con l’amore di Italia Nostra e la messa a dimora di diverse piante che, un domani, svetteranno fiere.

Ieri pomeriggio, prima del tramonto, proprio nell’Orto Candela è stato messo a dimora un albero di ciliegio autofertile dai volontari di Italia Nostra insieme a Giuseppe, il marito di Claudia Nicoletta, e il piccolo Loris che scrutava con i suoi grandi occhi quanto avesse davanti. C’erano i compagni di scuola intorno all’albero che tra qualche anno metterà i suoi frutti nel lembo di terreno circondato da alberi di melo, pero, melograno, nespolo e colorati alberi di mandorlo.

E’ un’area, quella più interna, destinata a diventare un frutteto, “il frutteto di Claudia“, nel ricordo della giovane madre e sposa che ha toccato il blu del cielo prematuramente, con la memoria perenne di “un grande fiore“, come pronunciato dalla presidente di Italia Nostra Teresa Liguori, la cui associazione ha donato il ciliegio.

Poi la benedizione di Don Ezio Limina, mentre le lacrime si sono unite all’acqua dell’aspersorio: “Conosco Claudia da sempre – ha detto – ho sposato lei e Giuseppe e battezzato Loris, e la sua vicenda mi ha toccato emotivamente. Il ciliegio viene a ricordare una vita giovane in attesa dei frutti di bene, così come Loris ci riporta sempre al bene della sua mamma”. Sarà premura dell’Associazione Italia Nostra apporre poi una targa in quel lembo di terra, seminato e curato dai volontari, con il paragrafo di questa vita “Il frutteto di Claudia”.


Danilo Ruberto