Crotone – Arcuri e Megna: «Sulla bonifica Voce nega il confronto democratico»

Crotone – Arcuri e Megna: «Sulla bonifica Voce nega il confronto democratico»

Crotone – Continua la bagarre sulla bonifica. L’opposizione vuole un Consiglio comunale sul tema, anche se il Sindaco Voce non appare così convinto di prestarsi al confronto.

Nei giorni scorsi, il primo cittadino pitagorico ha tenuto una conferenza stampa (qui l’articolo) sulla vicenda bonifica, ma evidentemente Danilo Arcuri e Antonio Megna, consiglieri comunali di Crotone Città di Tutti, vogliono  che il tema sia trattato in Consiglio e replicano con toni durissimi a Voce.

Ecco il comunicato dei due consiglieri d’opposizione.

Nulla di nuovo all’orizzonte.
L’ingegnere Voce non ci ha per nulla stupito, nonostante l’invito ad abbassare i toni e ad aprire un confronto con i consiglieri comunali e con la città su un tema di fondamentale importanza come la bonifica.

L’ingegnere Voce, invece, si è lasciato andare alle sue solite logorroiche intemperanze, condite di insulti, offese, insinuazioni, bugie e falsità. C’era tutto, tranne le risposte alle legittime domande poste da ben cinque consiglieri comunali.
Niente a che vedere con l’atteggiamento di un sindaco, che dovrebbe mettere la responsabilità e il senso del dovere davanti il proprio ego e il proprio io.

Non c’è nulla da fare…
Avevamo chiesto al sindaco di convocare un Consiglio comunale per confrontarsi sul tema della Bonifica, dopo gli articoli apparsi sulla stampa che hanno alzato i livelli di preoccupazione e allarme in tutta la città.
Avevamo chiesto al sindaco di chiarire le notizie di questi giorni.
Avevamo chiesto, così come tanti crotonesi si chiedono e ci chiedono di fare chiarezza su determinati punti.
Che ne sarà della bonifica?
Cosa ne sarà della passeggiata degli innamorati?
Dove verranno sepolti i veleni?
Quando e come riprenderanno i lavori di bonifica?
Avevamo chiesto al sindaco di avere rispetto della massima assise cittadina, dei rappresentanti dei cittadini eletti democraticamente.

Ma l’ingegnere Voce ha deciso di negare il confronto democratico.

Ribadiamo un concetto che dovrebbe essere alla base di qualsiasi amministratore: “non è lesa maestà che i consiglieri comunali chiedano che si riunisca l’assise cittadina per dibattere di un tema come la bonifica”.
È un offesa a noi e alla città negare questo confronto, così come già successo su Antica Kroton, argomento che mai ha varcato le porte della sala Consigliare.

E visto che è un nostro diritto, da consiglieri comunali, avendo prima chiesto al sindaco di convocare lui il Consiglio comunale, presenteremo noi, nelle prossime ore, la richiesta, secondo regolamento, della convocazione di una seduta della massima assise cittadina sull’argomento Bonifica. Richiesta che, e l’ingegnere Voce lo sa bene, a norma di regolamento non potrà essere rigettata.

Vorremmo, infine, invitare l’ingegnere Voce a pensare attentamente alle parole da utilizzare da oggi in poi, perché è giusto che lui sappia, e dovrebbe già saperlo, che se è a conoscenza di notizie di reati da pubblico ufficiale, qual è un sindaco, deve farne immediatamente denuncia, altrimenti è lui stesso a commettere un reato (Articolo 361 Codice Penale – Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale). Se invece non ne è a conoscenza ma si inventa la solita “storiella” giusto per macchiare la reputazione altrui, allora ciò che dice è perseguibile penalmente, si chiama illazione, si chiama calunnia e si rischia la reclusione da un minimo di due a un massimo di venti anni.
Ed in questo caso la parte lesa si rivolge alla magistratura, così come si sta procedendo a fare.

I consiglieri comunali
Danilo Arcuri
Antonio Megna