Crotone, atto intimidatorio al tecnico della Kroton Nuoto

Crotone, atto intimidatorio al tecnico della Kroton Nuoto

Crotone – Il fatto è avvenuto ieri, nel giorno della riapertura delle attività presso la Piscina Olimpionica di via Giovanni Paolo II. La macchina del tecnico della Kroton Nuoto Roberto Fantasia è stata bruciata ieri presso la sua abitazione, in via Roma. Il fatto ricorda quello avvenuto mesi fa, quando ad essere incendiata fu la macchina dell’altro gestore della Piscina, Francesco Arcuri, allenatore della Rari Nantes Crotone.

Così scrive l’assessore allo Sport Luca Bossi:

Un gesto ignobile, quello accaduto nella notte al rappresentante della Kroton Nuoto gestore della Piscina Olimpionica comunale, che segue l’analogo episodio nei confronti del rappresentante della Rari Nantes a Maggio.

Le due Asd gestiscono l’impianto natatorio, restituito alla città dopo un lungo buio periodo di chiusura.

Tutta la nostra personale solidarietà, del sindaco e dell’amministrazione nei confronti di chi sta portando avanti un percorso intrapreso dall’Amministrazione basato sulla trasparenza e sulla legalità.

Evidentemente c’è chi pensa di poter interferire in questo percorso con atti che hanno lo scopo di incutere timori. L’invito è quello di non mollare e continuare sulla strada maestra.

La cultura dell’aggressione e dell’intimidazione è combattuta dal primo giorno del nostro insediamento e l’amministrazione sarà sempre al fianco di chi combatte ogni giorno contro queste logiche