Crotone, costruzione abusiva in zona sottoposta a vincolo paesaggistico

Crotone, costruzione abusiva in zona sottoposta a vincolo paesaggistico

Sequestrata costruzione abusiva in corso di edificazione I carabinieri forestali hanno deferito alla Procura un cittadino crotonese

Crotone – I carabinieri forestali hanno scoperto, nei giorni scorsi, una costruzione abusiva nella fase iniziale di realizzazione. Il sequestro dell’opera è stato già convalidato dall’Autorità giudiziaria. Il proprietario dell’area, un quarantottenne nato e residente a Crotone, è stato deferito alla Procura della Repubblica per costruzione abusiva in zona sottoposta a vincolo paesaggistico.

I militari della stazione CC forestale Crotone nel corso di un’attività di controllo del territorio, avevano notato una platea di fondazione in conglomerato cementizio armato nel territorio di Crotone, all’interno della fascia di rispetto profonda 300 m della costa. Subito avevano avviato gli accertamenti presso l’ufficio comunale competente. Il manufatto, realizzato da pochissimo – il conglomerato era ancora umido – era del tutto privo di atti legittimanti l’edificazione. È stato così sequestrata una platea di fondazione occupante un’area di forma rettangolare estesa in pianta 9 m x 10 m. La struttura, bloccata sul nascere, era completa delle cavità necessarie per gli alloggiamenti degli impianti tecnologici.

Il proprietario dell’area, un uomo classe di nascita 1972 nato e residente a Crotone, è stato deferito alla Procura della Repubblica per costruzione abusiva in area soggetta a vincolo paesaggistico. Il sequestro è stato ora convalidato dall’Autorità giudiziaria. L’ennesimo sequestro di opere edilizie abusive operato dai militari nell’anno in corso nel Crotonese sembrerebbe avvalorare l’ipotesi che una parte non trascurabile dell’attività edilizia sia fuori controllo. L’operazione eseguita dai carabinieri forestali è volta a rafforzare l’attività dell’Amministrazione comunale, titolare della vigilanza nel settore urbanistica ed edilizia del territorio, con l’obiettivo di rinvigorire il rispetto della legalità, per consentire l’evoluzione sostenibile del territorio e prevenire il consumo indiscriminato di suolo.