Crotone, cresce la differenziata ma rimane il problema ingombranti

Crotone, cresce la differenziata ma rimane il problema ingombranti

A maggio si è registrato un 25% di raccolta differenziata, il dato percentuale più alto in assoluto nella storia di Akrea. «Piccoli passi ma significativi nella raccolta differenziata- si legge in una nota della municipalizzata -. Il trend mostra segni di consolidamento, considerando che nella prima metà di giugno le frazioni di carta, vetro e multimateriale hanno già quasi raggiunto la media mensile. 

Sono sicuramente numeri ancora insufficienti a far cantare vittoria, tuttavia sono indicativi di un processo di cause-effetti che dimostra come i risultati dipendono essenzialmente dalla capacità e razionalizzazione degli investimenti e dalla indispensabile collaborazione dei cittadini.

La prossima disponibilità di nuovi mezzi e attrezzature, che saranno acquistati grazie al finanziamento previsto nel Piano regionale dei rifiuti, e l’apporto di ulteriore personale, il cui reclutamento sarà annunciato a breve, consentiranno di estendere ad altre zone della città il servizio di raccolta differenziata aumentandone notevolmente le percentuali.

Traguardo che è comunque legato ad altre variabili di “peso”, prima tra tutte la questione ingombranti. Questi materiali costituiscono la vera spina nel fianco del sistema poiché, oltre a pregiudicare sensibilmente il decoro urbano, condizionano il funzionamento delle isole ecologiche, punto nevralgico della filiera. Il problema è noto e Comune e azienda sono impegnati a individuare una soluzione strutturale che possa garantire continuità e stabilità ai rapporti con i fornitori.

In conclusione, se ancora molto resta da fare, è anche vero che i risultati conseguiti negli ultimi due anni, nonostante le tante difficoltà congiunturali, rappresentano un confortante segnale di crescita sia in riferimento agli obiettivi gestionali e di reputazione aziendale sia per ciò che riguarda il livello di sensibilità ambientale dell’utenza».