Crotone, don Serafino Parisi saluta la parrocchia del Duomo: “Non posso dimenticarvi. Grazie a tutti”

Crotone, don Serafino Parisi saluta la parrocchia del Duomo: “Non posso dimenticarvi. Grazie a tutti”

Con una mesta cerimonia, domenica sera alle ore 19,00, il Vescovo di Lamezia Monsignor Serafino Parisi ha salutato la parrocchia di San Dionigi dove, nella Basilica Cattedrale, è stato parroco e rettore per sette anni. Era proprio il mese di luglio quando si impossessò della rettoria del Duomo di Crotone, dopo aver guidato nel corso della sua vita sacerdotale le parrocchie di Altilia, Cotronei e Steccato di Cutro, “una collana di perle”.

Dopo la nomina a pastore del lametino, dopo il trasferimento di Giuseppe Schillaci a Vescovo di Nicosia, è stato Monsignor Cantafora, per tutti Don Gino, a stargli vicino con buoni consigli. Proprio don Gino Cantafora ha presieduto la cattedra lametina dal 2004 al 2019.

Non è riuscito a nascondere le lacrime e la commozione don Serafino Parisi durante la lettera di saluto della parrocchia letta da Myriam Galea:Sei stato un padre per noi, una guida, un maestro, un fratello, un amico. Sei arrivato nel Duomo sapendo di doverti confrontare con una figura importante, con don Ezio Limina che ha guidato la parrocchia per trent’anni. Non sarà stato facile per te, e ora siamo noi a dirti quel “grazie” che tanto hai usato sabato scorso durante la consacrazione a Santa Severina”.

E proprio sabato prossimo alle ore 18,00 don Serafino Parisi prenderà possesso canonico della Diocesi lametina, raccomandando i parrocchiani del Duomo di custodirlo nelle loro preghiere, e di portare nel portafoglio l’immaginetta ricordo della sua consacrazione in cui è raffigurata la lavanda dei piedi: “Non posso non pensare ai tanti momenti trascorsi – ha detto don Serafino – e non posso non pensare e dimenticare chi è nella prova, nella solitudine, nella sofferenza. Siete nelle mie preghiere”.

Danilo Ruberto