Crotone, don Tommaso Mazzei: «Gli innocenti, gli ultimi, sono sempre loro a subire le conseguenze»

Crotone, don Tommaso Mazzei: «Gli innocenti, gli ultimi, sono sempre loro a subire le conseguenze»

Crotone – Alcune vite umane sono state spezzate, nella speranza di una vita migliore, mentre altre lottano con sofferenza dopo l’episodio accaduto questa mattina sulle coste crotonesi.

«La storia purtroppo si ripete:  gli innocenti, i poveri, gli ultimi sono sempre loro a subire le conseguenze… di una tragedia già annunciata tante volte – ci dice don Tommaso Mazzei, parroco di Santa Rita in Crotone – Si potrebbe risolvere una volta per tutte, questa offesa ripetuta alla dignità della persona umana? Possiamo sperare in una collaborazione costruttiva tra le nazioni del Mediterraneo, per garantire una pace duratura e una democrazia non ostacolata dai soliti interessi nelle nazioni più oppresse?».

Il pensiero di don Tommaso va ai tre morti e ai finanzieri feriti: «Soccorrere prima, dai luoghi di partenza, per non essere manipolati e strumentalizzati dalle organizzazioni che mirano a guadagni ingenti. L’ accoglienza va assicurata in modo più convincente e dinamica, senza liti esasperate.

Sono tanti quelli che rischiano la vita per garantire protezione e soccorso, tra le forze dell’ordine, tra i medici, i volontari. Grazie a loro la nostra nazione mostra il suo volto di fraternità e di solidarietà che tiene accesa una luce grande per un futuro in cui i diritti fondamentali siano garantiti per tutti i popoli e in ogni luogo» .