Crotone, I Krotoniati a guardia del Tripode e a disposizione dei passanti

Crotone, I Krotoniati a guardia del Tripode e a disposizione dei passanti

Crotone – Ogni mattina sorge il sole da uno degli anelli del Tripode posto sul lungomare cittadino. I raggi caldi riscaldano le piante poste sulla porzione di terreno, prima che i forti venti accarezzino la città. Il sostegno a tre piedi costituiva un premio elargito agli atleti nell’antica magna grecia, correlato ad Apollo dio del sole, e, oggi, la città vuole riappropriarsi dei suoi segni e simboli, poichè non ha nulla da inventare ma solo da tirar fuori.

Ed è l’idea dei Krotoniati, capitanati da Antonio Parrotta, che a proprie spese hanno donato le tre simbologie ai propri concittadini. L’airone, messaggero degli dèi, il Tripode, e KRO, il nome della nostra città. E la “Scuola Guardia Krotoniate”, asd sportiva, insieme all’associazione “Verso il cambiamento”, hanno l’affidamento tramite delibera di giunta dell’area, curando il verde e le piante medicinali che loro stessi hanno posto nel terreno.


Ogni giorno, infatti, i Krotoniati di Parrotta fanno da guardia al Tripode, offrendo un contributo a coloro che si fermano per spiegarne la simbologia, e vegliando affinchè nessuno posso divellere le piante: «Sicuramente verremo tutti i giorni  – ci ha detto il maestro Antonio Parrotta  – io ogni mattina all’alba sono qui, per capire, per mettere a posto, anche la notte mi reco qui. Sento questo simbolo fortemente, nel rispetto della mia città».

 

danilo ruberto