Crotone, il mondo sportivo consegna cinture, palloni e maglie al Comune

Crotone, il mondo sportivo consegna cinture, palloni e maglie al Comune


Crotone – L’epilogo è arrivato per il mondo sportivo crotonese che ha consegnato maglie, palloni e oggetti usati durante le competizioni che si svolgono negli anni. C’erano non solo i maestri sportivi, allenatori e presidenti ma anche chi ha portato lo sport crotonese a livello nazionale e internazionale. E proprio sul futuro dei campionati si è discusso, nella manifestazione di stamane 2 giugno 2020 in Piazza della Resistenza a Crotone, nella giornata nazionale che celebra proprio gli sport.

«Siamo qui per rivendicare il diritto allo sport dei cittadini di Crotone – ci ha detto Giuseppe Trocino del Consorzio Momenti di Gloria (PalaMilone) – oggi è anche la festa della Repubblica. Chi va a festeggiare la Repubblica dimentica i suoi valori fondanti, come i diritti di tutti, come il diritto allo Sport. Diritto a Crotone negato con una politica incomprensibile che chiude le strutture invece di valorizzarle. Chiediamo che venga ridata la parola alla politica, alla democrazia, chiediamo che non vengano prese scelte affrettate ma che si temporeggi, le associazioni sportive stanno subendo un danno. Il danno erariale lo stanno subendo le strutture sportive, come la piscina olimpionica dove l’acqua è putrida ed è un pericolo per l’incolumità pubblica e per la struttura stessa».

A manifestare, come vedete nelle foto, c’erano i ragazzi che come abbiamo scritto nell’introduzione dell’articolo vivono di sport e il cui cammino sportivo è compromesso. A Settembre dovrebbe iniziare il nuovo campionato sportivo bloccato e concluso, come sappiamo, dal Covid-19, e i ragazzi chiedono di poter usufruire delle strutture. C’erano PalaKrò, PalaMilone, Settore B e Piscina Olimpionica.