Crotone, il Prefetto Ippolito si presenta: «Fondamentale tutelare il diritto al lavoro, ritorno in un territorio a me caro»

Crotone, il Prefetto Ippolito si presenta: «Fondamentale tutelare il diritto al lavoro, ritorno in un territorio a me caro»

Crotone – Si è presentata nel corso di un’apposita videoconferenza il nuovo Prefetto della provincia di Crotone,  Maria Carolina Ippolito che succede alla dott.ssa Tiziana Tombesi. Assieme al nuovo Prefetto a presenziare al suo fianco è stato il Capo di Gabinetto Manuela Currà che ha moderato l’incontro.

«Dispiace non potere incontrare la stampa e i cittadini a causa delle restrizioni – ha detto – Ho avuto la nomina come nuovo Prefetto nel Consiglio dei Ministri svolto lo scorso 23 dicembre, dopo una settimana sono stata assegnata come Prefetto per la città di Crotone, luogo nel quale io ho lavorato come Vice Prefetto Vicario nel periodo che va dal 2013 al 2017, periodo al termine del quale fino al 2020 sono stata Vice Prefetto Vicario presso la Prefettura di Messina, l’unica di fatto esperienza maturata al di fuori della Calabria. Ho fatto un piccolo comunicato nella giornata del mio insediamento proprio per tracciare quelle che potranno essere le linee di questa nuova esperienza di Crotone, nel rispetto dell’ascolto e attraverso la mediazione che deve essere tipica di questo periodo di pandemia. In questa terra è quanto mai necessario tutelare il diritto al lavoro, stare vicino ai lavoratori tutelando le garanzie. Questo è un territorio a rischio e per questo è importante il ruolo della Protezione Civile, bisognerà raccordare e raccordarsi con più soggetti».


La dott.ssa Maria Carolina Ippolito ha toccato diverse tematiche, tra le quali la situazione di alcuni Comuni del territorio alle prese con i casi di Covid-19. «Per quanto riguarda i territori di Cirò Marina ed Isola di Capo Rizzuto ci sarà una runione di coordinamento questo pomeriggio. Sicuramente durante il fine settimana, per intese avute sia con il Comandante Provinciale dei Carabinieri che con quello della Guardia di Finanza, posso dire che sono stati intensificati i controlli nei due territori in discussione. Non basta però l’attività di repressione o di controllo, bisognerà sottolineare il mantenimento di comportamenti rigorosi in modo da invogliare i cittadini ad evitare assembramenti o festeggiamenti».

Sul fronte occupazionale il nuovo Prefetto sembra avere idee chiare: «La tutela del diritto del lavoro è fondamentale, in ogni vertenza il passaggio in Prefettura, laddove necessario, vedrà le porte di questo palazzo sempre aperte. A maggior ragione in questo periodo, qualsiasi vertenza che possa avere uno spiraglio di risoluzione con una mediazione ci vedrà partecipi e impegnati».

L’emergenza ha causato anche alcune problematiche legate al diritto alla mobilità dei cittadini, sul fronte Aeroporto “Pitagora” e S.S. 106. «Per quanto riguarda l’aeroporto ho avuto una comunicazione da parte del Comitato dei cittadini, ho avuto modo di parlare con l’Assessore regionale e quindi in settimana, al più tardi nella giornata di lunedì assieme a Sacal svolgeremo un incontro. Secondo la Regione Calabria si tratta di una riduzione dei voli che sarebbe proporzionale in tutto il territorio Nazionale ed internazionale, una contrazione dei voli effettuata ovunque da Ryanair. Durante questo incontro andremo ad affrontare l’argomento e vedremo quanto emergerà. Sulla S.S. 106 si ha un discorso più ampio, si dovrà valutare il tipo di investimenti che si vorranno affrontare».

Situazione economica non delle migliori con emergenza sanitaria che ha creato non pochi disagi al territorio. «Saranno importanti i ristori, bisognerà valutare a chi spetteranno, sono uno strumento necessario per risollevare l’economia, speriamo di avere a breve delle notizie in maniera dettagliata».