Crotone – Il Questore Gambino: «Amatela voi questa terra»

Crotone – Il Questore Gambino: «Amatela voi questa terra»

Crotone – «Amatela voi questa città». ha salutato così la città il Questore di Crotone Massimo Gambino, il quale da lunedì guiderà la Questura di Taranto, mentre nella nostra città arriverà Marco Giambra (leggi qui). «La gioia di una sede molto interessante quale Crotone con vari stimoli – ha dichiarato – i primi sentimenti quando ho avuto la notizia tre anni fa di dover venire qui. Dall’altra parte c’è la gioia di sapere che i miei collaboratori, i funzionari, mi hanno seguito in questa follia».  

Tre anni nella Questura di Crotone, che lascia con affetto, sopratutto per la forza della sede locale foriera di forze giovani, tra le questure italiane più giovani: «Per me è un bilancio valido rispetto agli obiettivi che mi ero prefissati,  ho cercato di essere sempre di essere vicino ai colleghi della Finanza, dei Carabinieri, ho sempre cercato di essere vicino agli interessi del territorio. Non ho mai seguito i miei interessi personali, avrei fatto un errore. Crotone la porterò sempre nel cuore, dico a tutti i miei collaboratori di considerarmi un amico. Una Questura giovane, sono arrivati molti funzionari, si può investire su questi funzionari giovani».

Il primo incarico da Questore ricevuto dal Consiglio dei Ministri fu proprio la città di Crotone: «Dal primo giorno ho abbracciato questa terra, continuerò a portare avanti questa teoria anche se a Taranto. Da queste statiche che le porta in ultima classifica, il territorio ha potenzialità immense e può crescere». L’unico rammarico, ha concluso, è di non aver visto iniziati i lavori della sede della nuova Questura: «Sono riuscito a fare qualcosa, ovvero far sgomberare chi c’era sine titulo, a far fare le attività prodromiche per fare i carotaggi, si può costruire in quella sede, sono arrivati i soldi, adesso non è più compito nostro. Ho sollecitato fino a due giorni fa per sollecitare questi lavori».

Crotone – Cambio al vertice della Questura: arriva Marco Giambra