Crotone, insediato il nuovo primo cittadino: “Sarò il sindaco della gente”

Crotone, insediato il nuovo primo cittadino: “Sarò il sindaco della gente”

Crotone – Con una breve cerimonia all’interno del Tribunale di Crotone, con la proclamazione effettuata dall’ufficio elettorale centrale della Corte d’Appello, Vincenzo Voce con il 63 % delle preferenze al ballottaggio del 5 e 6 ottobre del 2020 è il nuovo primo cittadino di Crotone.  Ad attenderlo fuori dal palazzo della giustizia c’era la sua famiglia, la moglie, le figlie, insieme al padre e alle sue mani operaie.

La madre, invece, era ansiosa in Comune nell’attendere che al figlio “Enzo” venisse messa la fascia da sindaco dal Commissario, il quale oggi ha terminato il mandato nel comune capoluogo di provincia.

«Questo è un momento importante per la città di Crotone Sindaco, le faccio le mie congratulazioni – ha detto il Commissario Tiziana Costantino –  è stata una battaglia dura, Crotone merita tutto il bene possibile. Io le consegno un’amministrazione che ho avuto l’onore di guidare per undici mesi, e mi sono sentita onorare di rappresentare, al servizio della comunità».

Il neo sindaco Voce e  il Prefetto Costantino hanno poi parlato nella stanza del Palazzo Comunale. Al termine del colloquio, il nuovo inquilino del Comune di Crotone si è recato nell’aula consiliare dove terrà il primo Consiglio Comunale insieme alla sua giunta:

«Io in realtà sono a lavoro da ieri, la prima cosa che ho fatto sono andato a scuola e ho salutato gli alunni – ha dichiarato il sindaco Vocestiamo lavorando per mettere su una bella squadra, che sia all’altezza per i problemi della città di Crotone che sono tanti. Tantissime emozioni, e poi sento tutto il peso dei cittadini che mi hanno votato, tanta responsabilità, c’è tanta attesa, e spero di non deludere. Lavorare 24 ore al giorno, sono al servizio dei cittadini, disponibile nell’affrontare i problemi e cercare di risolverli.

Abbiamo affrontato col Commissario tutti i temi, abbiamo parlato di tutto. Dalle partecipate, all’amministrazione, la macchina amministrativa, e c’è da lavorare tanto. Già da domani vedremo le carte, la documentazione, quello che c’è da fare per organizzare la macchina. Sarò il sindaco in mezzo alla strada, incontrerò la gente, e nei prossimi giorni entrerò nelle scuole».