Crotone isolata, dove fermano i treni? L’appello del Comitato Cittadino

Crotone isolata, dove fermano i treni? L’appello del Comitato Cittadino

«Sulla linea ferroviaria jonica si viaggia come nel 1800! Metà della Calabria è difficilmente accessibile». Non usano mezzi termini i membri del comitato cittadino ferrovia Jonica per denunciare l’ennesimo episodio accaduto nella stazione di Crotone.

Il racconto arriva in una lunga lettera inviata alla nostra redazione: «A cosa serve promuovere la Calabria se non vengono messe in atto azioni tali da limitare il problema dei trasporti non solo per i turisti ma anche i suoi stessi cittadini? Ad aggravare la situazione come spesso accade proprio nel periodo estivo è l’apertura di cantieri di manutenzione della linea ferroviaria causando enormi disagi.

Nei giorni lavorativi la linea ferroviaria jonica viene percorsa da circa 15 treni mentre di domenica il numero si riduce drasticamente.

Proprio oggi (ieri ndr), mentre assistiamo al lancio di una campagna di promozione turistica così imponente spostarsi con un treno lungo la linea ferroviaria jonica è stato un vero e proprio inferno! Ecco, la storia di Marisa che da Crotone doveva prendere l’IC 564 direzione Taranto per raggiungere la figlia!

Il treno delle 11:10 in partenza da Crotone è stato soppresso senza alcuna comunicazione e la scoperta viene fatta quando intorno alle 11 la signora si reca in stazione a Crotone in attesa di un treno che non arriva!

Nessuno sportello aperto in stazione, la biglietteria è chiusa da anni, e gli operatori del numero di Trenitalia 892021 chiudevano la telefonata nel momento in cui, probabilmente, capivano che la situazione non era di facile soluzione.

Dopo un po’ viene fornita l’informazione che Trenitalia avrebbe fornito un bus sostitutivo per arrivare a Sibari per poi proseguire il viaggio fino a Taranto.
Le ore passano ma nessun bus arriva in stazione mentre la signora Marisa attende insieme ad altri, un viaggio che normalmente richiede 3 lunghissime ore ancora non era neppure iniziato.

Intorno alle 14 non vedendo il bus sostitutivo si inizia a sperare che almeno Il prossimo treno in partenza da Crotone non abbia problemi.
Il viaggio programmato per le ore 11 è iniziato soltanto alle 15.45 circa con un treno verso Taranto e nel mentre non ha avuto alcuna assistenza in stazione, nessuno che potesse fornire informazioni e proporre soluzioni alternative. Quattro ore in uno stato di abbandono in stazione!!!

Veramente è questa la “Calabria Straordinaria” dell’assessore Orsomarso? In questa narrazione “turistica” della nostra terra la nuova giunta regionale forse non ha valutato attentamente come i turisti possono arrivare sulla costa jonica! Senza treni, senza strade e senza aerei l’assessore Orsomarso come spera di rilanciare il turismo? I turisti arriveranno forse in paracadute sulla bellissima costa jonica?

Il Comitato Cittadino Ferrovia Jonica ha più volte chiesto un incontro all’assessore per poter capire quale soluzione sia stata programmata per permettere sia a turisti sia a cittadini di viaggiare nella stagione estiva sulla linea ferroviaria jonica. Purtroppo, la politica è sorda ai problemi dei cittadini troppo interessata a spendere milioni di euro per attrarre turisti e poco sensibile per permettere agli stessi calabresi emigrati di poter tornare!

Siamo delusi ed arrabbiati da quanto accaduto. Abbiamo chiesto immediatamente delle spiegazioni sia al gestore che alle istituzioni affinché tutto ciò non si verifichi nuovamente. Pensiamo che l’assessore Orsomarso debba spiegare urgentemente come mai sulla costa jonica ci siano così pochi treni ed il Presidente Occhiuto debba concretamente spendere maggiori energie per la costa jonica!

Siamo cittadini italiani, siamo cittadini calabresi e vogliamo esser liberi di partire, liberi di tornare».