Crotone, “La fuga di Pitagora” questa sera al Teatro della Maruca

Crotone, “La fuga di Pitagora” questa sera al Teatro della Maruca


LA FUGA DI PITAGORA
lungo il percorso del sole
Con Ernesto Orrico e Massimo Garritano

in scena al Teatro della Maruca di Crotone
venerdì 14 febbraio ore 21:30
Info e prenotazioni 328 7120696 – 329 9255372

Solo un attimo fa Crotone era New York.

Seguendo il percorso del sole, la Grecia fondava la Magna Grecia come un giorno l’Europa fonderà l’America.

E l’immigrato Pitagora, che giunge a Crotone dall’isola di Samo dopo un percorso iniziatico nei luoghi della scienza e della magia, è il simbolo di un cosmopolitismo che segna fin dall’epoca presocratica i destini della civiltà occidentale.

L’attualità del personaggio, pur nella sua lontananza storica e nella cortina fumogena del mito, è degna di essere posta all’attenzione del pubblico del terzo millennio. Il suo pacifismo oscilla fra vegetarianesimo (Pitagora inventore del minestrone come elogio del meltin-pot) e animalismo (conseguenza della credenza nella metempsicosi, la trasmigrazione delle anime). L’assunto che tutto è numero, che ha conseguenze mistiche che vanno oltre la tavola pitagorica e il teorema di Pitagora, è l’antesignano di tutto il nostro mondo digitalizzato. L’invenzione dello “specchio di Pitagora” con cui scrivere messaggi sulla superficie lunare, leggenda scientifica di cui Baltrušaitis ci racconta la persistenza fino a secoli recenti, si è realizzata nei satelliti per telecomunicazioni. L’inascoltata “armonia dei mondi”, dove l’intero universo (kosmos e non più kaos) produce musica, riemerge nella registrazione sonora degli anelli di Saturno (e forse nell’intera teoria delle stringhe).

Insomma, questa materia antica ci parla della nostra contemporaneità mediterranea, compreso il problema delle migrazioni, del rapporto tra intellighenzia e potere politico, tra elitismo della scienza e populismo della democrazia.

Nota di regia

Il mito si rinnova in Storia che non accoglie insegnamenti Si crolla negli errori di sempre Il tempo si ripete Le anime migrano I corpi muoiono

Gioco di maschere e figure, monodramma per corpo e musica. Una tragedia antica che si rinnova nell’oggi. Un rimbalzare continuo tra un passato lontanissimo e sapiente e il presente della politica sguaiata che si ingegna a negare la ricchezza dell’alterità, del diverso, dello straniero.

Sospensioni

In La fuga di Pitagora i parlanti sono fantasmi che abitano una dimensione spaziale misteriosa, un luogo simbolico in cui le figure evocate si muovono dentro e fuori un pentalfa pitagorico dove si riflette l’agire dell’attore (per se stesso e per chi osserva). E il pentalfa si raddoppia, 5 disegni esoterici richiamano e respingono il testo, aprendo e alludendo a falde narrative che resteranno inesplorate.

Ritornelli

In La fuga di Pitagora, polilogo di stati d’animo, la voce si muove dall’invettiva all’evocazione, tra orazione e lezione, in un movimento sonoro che è moltiplicazione di storie, incastri, accenni, rimandi, citazioni. Pitagora, filosofo di Samo, della sua vita e dei suoi insegnamenti non ha lasciato nessuna fonte primaria, nessuna traccia scritta di suo pugno, nessuna verità storica acclarata, ma abbiamo un magma inesausto di racconti postumi, di biografie apocrife, di studi esoterici, di leggende fantastiche.

Cambiamenti

In La fuga di Pitagora i suoni della chitarra costruiscono panorami acustici che si frangono in pulviscolo elettrico. Le ripetizioni, i loop, i disturbi costituiscono un impasto narrativo che dialoga con la voce, poi la sovrasta, poi la abbandona e la libera. “L’armonia delle sfere”, “il quinto martello” sono indizi e suggestioni per mondi musicali e possibilità di giocare con i numeri, con le note.

spazio, regia e interpretazione Ernesto Orrico
musiche originali eseguite dal vivo Massimo Garritano
voce di Philtys Ada Roncone
disegni originali Raffaele Cimino
oggetti di scena e costumi Merusca Staropoli
composizione brano “Teorema Chill” Fabio Nirta
collaborazione artistica Manolo Muoio
gestione tecnica Antonio Giocondo
registrazioni audio Pierpaolo Mazzulla
organizzazione e amministrazione Alessandra Fucilla
fotografie di scena Raffaella Arena e Claudio Valerio
produzione ZAHIR associazione culturale
special thanks to
Erika Cofone, Eros Leale, Ilenis Hernández, Teatro dell’Acquario, Francesco Vitale

Marcello Walter Bruno è professore associato all’Università della Calabria. Si è occupato molto di cinema, fotografia, comunicazioni di massa e poco di teatro. Ha però collaborato come drammaturgo con Giancarlo Cauteruccio/Krypton e Ernesto Orrico e ha recitato il monologo di Paolo Jedlowski Smemoraz. Ha pubblicato i libri Neotelevisione (Rubbettino, 1994), Promocrazia. Tecniche pubblicitarie della comunicazione politica da Lenin a Berlusconi (Costa & Nolan, 1996), Il cinema di Stanley Kubrick (Gremese, 2017). Scrive su Segnocinema e Fata Morgana.

Ernesto Orrico. Attore, autore e regista. Ha lavorato con Teatro delle Albe, Scena Verticale, Teatro Rossosimona, Centro RAT, Teatro della Ginestra, Carro di Tespi, Spazio Teatro, Zahir, Compagnia Ragli. Ha scritto ‘A Calabria è morta (Round Robin, 2008), le raccolte di poesie Talknoise. Poesie imperfette e lacerti di canzone (Edizioni Underground?, 2018), Appunti per spettacoli che non si faranno (Coessenza, 2012), The Cult of Fluxus (Edizioni Erranti, 2014). Conduce una personale ricerca di scrittura per corpo e voce attraverso diversi progetti di contaminazione tra musica e teatro: Talknoise, The Cult of Fluxus e Speaking and Looping.

Massimo Garritano. Musicista e compositore. Ha conseguito una borsa di Studio per il Berklee College of Music di Boston (1995), il diploma di I° livello in Musica Jazz (2008) e il diploma di II° livello (2011) presso il Conservatorio di Musica di Cosenza. Ha all’attivo numerose incisioni discografiche tra cui: Doppio Sogno (Dodicilune Rec. 2014), Present (Manitù Rec. 2016), Talknoise (Manitù Rec. 2018). È autore di musiche per film, balletti, readings e spettacoli teatrali. Dal 2006 è assistente Collaboratore per i corsi preaccademici del Conservatorio di Cosenza. Docente di Chitarra Jazz presso il Conservatorio di Potenza (2016, 2017), Cosenza (2017, 2018, 2019) e di Composizione Jazz al Conservaotrio “Tomadini” di Udine (2019).

 


Come possiamo esserle utili? Chatta con noi