Crotone, la mozione sulla differenziata non passa in Consiglio

Crotone, la mozione sulla differenziata non passa in Consiglio

Crotone – Non è passata la mozione, questo pomeriggio, presentata in consiglio comunale da Andrea Tesoriere, consigliere di opposizione, riguardante la raccolta differenziata. L’occasione, prima di mettere la mozione al voto, è stata propizia per toccare diverse tematiche che riguardano la città di Crotone e, in particolare, lo stato in cui versa. “Vi è una mancanza di programmazione – ha detto il consigliere  Tesorierec’è rabbia e rassegnazione da parte dei cittadini. Se non c’è giusta collaborazione vi chiediamo di farvi da parte, cominciate a lavorare da domani mattina“.

Alle dichiarazioni del consigliere Tesoriere è giunta la risposta del consigliere Facino, della maggioranza: «Compreremo dei compattatori, stiamo lavorando, e poi dal primo giorno dell’insediamento di questa amministrazione c’è stata la volontà di partire con la raccolta differenziata. Stiamo pensando ad un mini termovalorizzatore verrà un’azienda qui a Crotone».

Anche la consigliera Carmen Giancotti ha espresso alcune perplessità: «Sindaco, non ho sentito un suo accenno verso Akrea e i suoi lavoratori. Non sento parole verso Antica Kroton e altre problematiche in cui gravano ad esempio i quartieri di Crotone. Ci siamo candidati per cambiare le sorti della nostra città, sui progetti vorremmo impegnarci tutti».

Non si è fatto attendere Fabrizio Meo: «Lei è il sindaco che urlava contro le medagliette di Akrea. Ora perchè non sguinzagliate più gli investigatori verso Akrea?  Lei è il sindaco più distante dai concittadini che ci sia mai stato».

Il sindaco ha risposto alle perplessità avanzate circa il suo operato, affermando che i consiglieri di minoranza si sarebbero dovuti indignare per il conferimento della spazzatura prodotta a Crotone nelle discariche di Lamezia o Gioia Tauro, al doppio del prezzo. Poi ha esposto le sue tesi parlando  dei debiti che ha trovato presso l’ente comunale. Sulla differenziata, invece, ha detto che mancano mezzi,  risorse e le attrezzature.