Crotone, l’arrivo a Capocolonna. Panzetta: “Maria ci indica la via”

Crotone, l’arrivo a Capocolonna. Panzetta: “Maria ci indica la via”

Non c’è stanchezza sui volti dei tanti fedeli che questa notte hanno accompagnato, dopo due anni di attesa, il quadro della Madonna di Capocolonna dal Duomo e fino al suo Santuario.

C’è tanta gratitudine nei cuori come ha ricordato il vescovo Panzetta nell’omelia della Santa Messa celebrata all’arrivo sul promontorio lacinio riferendosi al grande dono “per aver vissuto questa pienamente questa festa. Noi che siamo venuti fino a qui – ha ricordato – non abbiamo compiuto un atto pieno solo di tradizione ma soprattutto pieno di fede”.

Migliaia di fedeli hanno camminato “nella notte verso l’aurora insieme a Maria, nel suo nome. Un cammino che ci ricorda che siamo un popolo che non è fatto per rimanere nelle tenebre ma nella luce.

Ed è Maria che ci indica la via, nella prova, nella difficoltà affinché tutti possiamo raggiungere la luce di Gesù”.

Poi il presule ha spezzato la parola di oggi che ci mette davanti a una “esigente” riflessione. “Il cristianesimo – ha detto Panzetta – non è filosofia ma è l’incontro con Gesù risorto oggi”. Poi l’invito: “Il segreto della vita è l’amore. Veniamo riconosciuti cristiani dal nostro stile di vita e non dalle apparenze”.

Nel tardo pomeriggio il quadricello tornerà in Duomo via mare, ad attendere la nostra Patroma ancora una volta sarà la preghiera dei fedeli. Così la città si lega a Maria, vera luce dei nostri passi.