Crotone, mensa chiusa nelle scuole ma attiva nelle strutture private

Ancora nulla di fatto per l’affidamento del servizio di refezione nelle scuole di pertinenza comunale. Due delle ditte crotonesi hanno ribadito la richiesta di 6,13 a pasto.

Una cifra “spropositata” secondo l’assessore all’Istruzione Rachele Via. “Il cuore del problema – specifica la Via – non è la mancanza di risorse nelle casse del Comune ma è che non possiamo procedere all’ affidamento con una cifra che è al di sopra della media che ci risulta dalle indagini di mercato“.

Cifra spropositata anche per le famiglie che nel frattempo si stanno organizzando rivolgendosi a strutture private, asili nido che offrono i propri servizi e anche quello della refezione, i prezzi sembrano essere anche più convenienti.

Ovviamente rimane il disagio per le famiglie e i bambini costretti a terminare anzitempo la loro giornata scolastica.

Dal canto suo l’assessorato non rimane con le mani in mano e ha già invitato altre otto ditte secondo le procedure.