Crotone, monsignor Panzetta dispone delle comunicazioni: sospeso catechismo e altri incontri

Crotone, monsignor Panzetta dispone delle comunicazioni: sospeso catechismo e altri incontri

Monsignor Angelo Panzetta ha comunicato alcune disposizioni per l’Arcidiocesi di Crotone-Santa Severina nell’esercizio delle attività liturgiche e pastorali  in conseguenza della situazione socio-sanitaria determinatasi con la diffusione del CoronaVirus.

1-      Sospensioni delle seguenti attività: tridui, novene, via crucis, convegni, incontri di gruppi, pellegrinaggi, processioni, attività oratoriali, catechesi ed attività similari.

2-      E’ consentita  la celebrazione dei Sacramenti: S. Messa  feriale e festiva, Battesimi, Esequie, Matrimoni, Confessione, Unzione degli infermi.

3-      Nella Celebrazione dei sacramenti si faccia attenzione a rispettare le indicazioni contenute nel decreto del Presidente del Consiglio del 04/03/2020 (cfr Allegato 1) e le raccomandazioni della Conferenza Episcopale Calabra del 24/02/2020 (cfr. Allegato 2) circa le norme e le precauzioni igienico-sanitarie.

4-      Per la gestione di eventuali situazioni locali si invita a contattare la Curia Arcivescovile.

__________________

Ai presbiteri chiediamo di sostenere i fedeli con sapienza evangelica, trasmettendo loro fiducia, serenità, prudenza e buon senso. Presentiamo a Dio nostro Padre con la preghiera soprattutto gli ammalati, gli anziani, quanti operano nel settore sanitario e le famiglie eventualmente coinvolte con il contagio o sono in quarantena nelle “zone rosse” Questi, carissimi, sono momenti in cui dobbiamo confidare particolarmente nella potenza dell’Eucaristia, nella forza della preghiera e nella efficacia della penitenza, perché il Signore ci liberi e ci preservi da questo e da ogni altro male Invitiamo, pertanto, tutti i presbiteri, i consacrati ed i fedeli a pregare con fervore il Signore di liberarci da ogni male e, in particolare, dal coronavirus. Invocheremo soprattutto l’intercessione della Beata Vergine, Salus infirmorum e affidiamoci alla protezione dei nostri santi Patroni, in particolare san Francesco da Paola affinché, per carità, ci liberi dal contagio e guarisca i malati; sant’Antonio Abate, protettore contro ogni tipo di contagio; san Giorgio Megalomartire, sotto Diocleziano, invocato nelle malattie contagiose, santi Cosma e Damiano e san Rocco.

Pertanto, unitamente ai comportamenti prudenziali ed ai suggerimenti del Ministero della Salute, nelle nostre comunità cristiane di tutte le diocesi della Calabria, per tutto il tempo necessario, adotteremo le seguenti misure:

1-                 – svuotare le acquasantiere;

2-                 – evitare di bagnarsi gli occhi con l’acqua benedetta in occasione dell’imposizione delle ceneri;

3-                 – evitare il segno della pace durante la Messa;

4-                 – dare la comunione solo sulla mano;

5-                 – evitare la comunione sotto le due specie;

6-                 – evitare, come in uso in molte delle nostre comunità parrocchiali le condoglianze, al termine dei funerali, dei trigesimi e degli anniversari;

7-                 – lavarsi bene le mani (presbiteri, diaconi, ministri dell’eucarestia).