Crotone – Niente mensa scolastica, l’opposizione insorge

Crotone – Niente mensa scolastica, l’opposizione insorge

Crotone – La notizia che il bando di gara per la mensa scolastica è andato deserto (leggi l’articolo), ha generato, inevitabilmente, le reazioni dell’opposizione contro l’amministrazione Voce ed in particolare contro l’assessore Rachele Via.

La coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia, Simona Ferraina, chiede all’amministrazione un deciso cambio di passo.

“La prima campanella, che segna l’inizio dell’anno scolastico, è suonata da quasi un mese, – dichiara la Ferraina –  ma nella città di Crotone il servizio di mensa scolastica non è ancora stato avviato e del trasporto scolastico non ve ne è ancora nemmeno l’ombra. Per le tantissime famiglie, dove entrambi i genitori lavorano e spesso rientrano a casa solo nel pomeriggio, i disagi che ne conseguono sono insostenibili segnando pesanti ripercussioni economiche ed organizzative.
La competenza del servizio di refezione nelle scuole del primo ciclo d’istruzione è del Comune, che ha il doveroso compito di organizzare, nei tempi utili, l’affidamento della fornitura dei pasti ad una ditta esterna attraverso l’indizione di una gara pubblica”.

La coordinatrice di FdI rincara la dose di critiche.

“Finanche nelle azioni di tutela a supporto dei nostri bambini, l’amministrazione Voce non si smentisce, continuando a palesare una totale mancanza di programmazione e di gestione e riversando i frutti amari della sua inefficienza sulle spalle dei cittadini che continuano a pagarne le spese.
La lentezza con cui è stata gestita la gara d’appalto per la refezione scolastica e le somme esigue stanziate per i singoli pasti, assolutamente insufficienti, secondo gli operatori del settore, ad assicurare l’impiego di prodotti di qualità, rappresentano le cause per cui la gara d’appalto, indetta ieri, è andata deserta.
Il Comune si attivi prontamente per superare i propri ritardi e le proprie difficoltà, garantendo ai nostri bambini, ancora oggi privi di un servizio fondamentale, il diritto al pasto caldo fino al termine delle attività didattiche”.

Sull’argomento intervengono anche i consiglieri comunali Giuseppe Fiorino e Fabio Manica con una critica aspra che investe direttamente il vicesindaco, Sandro Cretella.

“L’asta pubblica per la mensa scolastica è andata deserta! Questo sta a significare che, per altri mesi ancora, nelle scuole elementari e medie di Crotone il servizio di mensa scolastica non ci sarà e i bambini e le bambine non potranno usufruire di questo servizio. A questo riguardo andrà rifatta la gara. Così come andranno rifatte le gare anche per il servizio di trasporto scolastico e per il supporto ai bambini disabili.
E intanto come se nulla fosse, e per distrarre l’attenzione dei cittadini, il vicesindaco della città imperversa sui media per invitare i crotonesi a partecipare “massicciamente” ai bandi di concorso indetti dal comune di Crotone per la copertura di 10 posti di lavoro. E questo nella città che ha oltre il 60 per cento dei giovani tra i quindici e i ventiquattro anni senza lavoro.  E non aggiungiamo altro per il rispetto dei ragazzi e delle ragazze crotonesi”.