Crotone non è una provincia per giovani e anziani

Crotone non è una provincia per giovani e anziani

Dalla classifica del Sole 24 Ore la fotografia di un territorio che deve puntare di più sui servizi

Crotone non è proprio un paese per anziani! Il Sole 24 Ore ha stilato delle nuove classifiche sulla Qualità della vita declinata per i tre target generazionali: bambini, giovani e over 65. Dodici i parametri per ogni fascia d’età che misurano, con i numeri, la vivibilità dei territori nelle varie fasi della vita.

Ebbene, Crotone non riesce ad arrivare a metà classifica in nessuna delle tre categorie. Se la cava per quanto riguarda i bambini posizionandosi al 90esimo posto, ed è comunque la seconda provincia calabrese dopo Catanzaro. A quanto pare a influire negativamente sulla qualità della vita dei più piccoli è la mancanza di aree verdi attrezzate e di servizi.

Neanche per i giovani crotonesi è facile vivere sul nostro territorio. Nella nostra provincia si registra il più basso numero di laureati e, purtroppo, il più alto tasso di disoccupazione giovanile, questo spinge all’inventiva e infatti Crotone si posizioni al primo posto in classifica per imprenditorialità giovanile. Evidente il tentativo di sfruttare appieno gli incentivi previsti per il rilancio del sud. I giovani devono fare i conti anche con l’assenza di opportunità di svago per il tempo libero.

Sembrano però gli anziani a soffrire di più l’assenza di servizi che potrebbero migliorare la loro qualità della vita: ultima in classifica, Crotone a quanto pare darebbe poca attenzione all’assistenza domiciliare ma anche al trasporto per disabili ed anziani.