Crotone, per risolvere la questione trasporto il Comune «spera» nei soldi di Eni

Si ricomincia. L’amministrazione comunale predisporrà nuovi bandi per far ripartire, si spera, il servizio di refezione scolastica e di trasporto scolastico.

Per il trasporto scolastico l’assessore all’istruzione Rachele Via dice che il numero dei pulmini, che sono 15 e non 12, è stato calibrato sul numero di iscritti e degli aventi diritti. Ci sono gli idonei a utilizzare il servizio perché non sono morosi ma sono stati inclusi anche i “potenzialmente” idonei.

Insomma le famiglie dovranno comunque attendere gennaio. «Se si riuscisse ad utilizzare ulteriori fondi e non dico quelli di Eni solo per scaramanzia, – ha concluso la Via – e avere una copertura adeguata per fare bandi triennali riusciremmo a superare tutte queste difficoltà».