Crotone, prima campanella dell’era Covid-19: si ritorna in classe, tra mascherine e la ricreazione al proprio posto

Crotone, prima campanella dell’era Covid-19: si ritorna in classe, tra mascherine e la ricreazione al proprio posto


Crotone – Gli studenti della provincia di Crotone oggi si sono riversati in città per l’inizio delle attività scolastiche. E’ il primo anno dell’era Covid-19, con situazioni inedite, relazioni riviste e un nuovo modo di stare insieme e di abitare le classi scolastiche.  Sono aperti gli istituti superiori e tutte le scuole che non sono state sede elettorale, per via della disinfezione dei locali occupati domenica, lunedì e martedì per le consultazioni elettorali.

E’ suonata la prima campanella dell’era Covid, con ingressi diversi rispetto agli anni diversi, i banchi distanziati l’uno dall’altro ma senza abbandonare la socialità e l’apprendimento nonostante una mascherina e del gel disinfettante ci abbiano fatto mettere in discussione il modo in cui frequentare le lezioni. Non più la didattica a distanza ma in presenza, ritrovando i propri compagni di scuola dopo diversi mesi di lockdown e dialogando con gli insegnanti, che hanno accolto gli studenti discutendo del Coronavirus, che ha cambiato le nostre vite e la nostra quotidianità. Non più assembramenti durante la ricreazione, questa è la prima cosa che ci hanno detto gli studenti questa mattina, ma ci si distrae e ricrea, appunto, a metà mattinata stando seduti al proprio banco,  consumando la propria merenda e sorseggiando l’acqua dall’immancabile bottiglietta riposta nello zaino.

Al bagno ci si reca uno per volta, assicurandosi che non vi siano affollamenti presso i servizi igienici, così come si esce in maniera diversa, rispetto agli altri anni, dalle classi quando si fa l’una. Ci sarà da studiare, certo, ma in classe si prova a convivere mantenendo la distanza fisica affinchè il Covid-19 lasci la sua morsa e si allontani per sempre, affinchè sia solo un brutto ricordo e perchè no, studiarlo un domani sui libri di scuola stessi.

Le criticità più importanti si registrano nelle scuole che accolgono gli alunni della scuola dell’infanzia e della primaria. In alcuni istituti si è tornati in aula – solo per poche ore – questa mattina, mentre negli istituti sede di seggi elettorali la campanella suonerà domani. Intanto gli molti interventi di adeguamento ed edilizia leggera sono ancora da terminare, ci sono punti interrogativi su orari di ingresso e di uscita e tante perplessità su come gestire i bambini che ricordiamo hanno dovuto pagare il prezzo più alto in questi mesi.

 


Come possiamo esserle utili? Chatta con noi