Crotone, prima che i rifiuti tardino ad essere raccolti, non sporchiamo la nostra spiaggia

Crotone, prima che i rifiuti tardino ad essere raccolti, non sporchiamo la nostra spiaggia


Crotone – Spesso, in questi giorni, abbiamo narrato dei rifiuti non raccolti e lasciati sopra i cassonetti o addirittura sui cigli delle strade. Una situazione incresciosa, a cui ha risposto Akrea con il nuovo presidente nominato tramite un concorso pubblico (leggi qui).

La realtà, che noi di CrotoneOk vi raccontiamo sempre, consta anche di gesti negativi da parte dei cittadini che ripetutamente non rispettano l’ambiente. Lungi dalla nostra redazione muovere morali o scrivere articoli moralistici, ma l’invito è di amare la nostra città un po’ di più per avere rispetto di noi stessi, perchè noi dobbiamo viverla. Si avvicina l’estate, già qualcuno pratica passeggiate individuali sulla spiaggia, e lo spettacolo non è certo salutare ed igienico per le nostre passeggiate stesse. Prima che dei volontari puliscano, come spesso è accaduto prima del lockdown, evitiamo di sporcare la nostra stessa terra che amiamo vantare con chiunque.

In questi giorni di pandemia, poi, non possiamo maltrattare ancora così la natura. Scendere in spiaggia e imbattersi con bottiglie di vetro ai nostri piedi o a quelli dei nostri figli non dovrebbe coincidere con una città che si pregia di aver dato vita alla scuola del pensiero pitagorico. Se siamo figli di Pitagora e delle sue geometrie, possiamo iniziare un percorso nuovo. Non solo per l’immagine che diamo di Crotone, ma sopratutto per la nostra incolumità.