Crotone, Stanchi dei soliti a sostegno di Voce, con Parise e Sorgiovanni: «I soliti? Il sistema clientelare»

Crotone, Stanchi dei soliti a sostegno di Voce, con Parise e Sorgiovanni: «I soliti? Il sistema clientelare»


Crotone – Saranno quattro le liste che sosteranno il candidato Enzo Voce a primo cittadino del Comune capoluogo di provincia e una di queste è Stanchi dei Soliti, movimento fondato dieci anni or sono da Andrea Arcuri e che quest’oggi sosterrà l’ingegnere e docente di Crotone. «Vogliamo una città normale, a misura di bambino, poichè i bambini sono il futuro e loro abiteranno Crotone» ha detto Dalila Venneri nel presentare le persone che entrano a far parte di “Stanchi dei soliti”, ovvero Ilario Sorgiovanni, Fabio Luigi Buscema, Clementina Cizza e Rossella Parise.

Al tavolo delle presentazioniArcuri e Venneri, insieme ad Alessandro Manica e la dottoressa Parise. Nel pubblico uditore Enzo Voce e Ilario Sorgiovanni: «I soliti rappresentano il sistema clientelare che abbiamo tentato dal 2011 di sconfiggere, quando mi candidai a sindaco – ci ha detto Andrea Arcuri – con l’intento di contrastare queste persone che conosciamo bene. Enzo Voce ha dimostrato di essere contro il sistema clientelare in più anni, assumendo delle posizioni a favore delle tematiche di una bonifica seria, anche se Voce non parla solo di bonifica ma di trasporti e turismo, e di giovani. E ha dimostrato di essere contro il sistema clientelare perchè alle regionali ha scelto un candidato pulito come Carlo Tansi, dunque questa nostra scelta è inevitabile». Inoltre Andrea Arcuri nel presentare la lista alla città ha dichiarato che in caso di ballottaggio Stanchi dei Soliti non appoggerà appunto “i soliti” nomi.

Hanno le idee chiare i candidati a supporto del candidato a sindaco, fissando sulla loro agenda parole come trasparenza e legalità. La direzione tracciata da Stanchi dei Soliti, come dichiarato nella conferenza stampa che si è svolta questa sera, è quella di affiancare al candidato a primo cittadino persone che siano rappresentanti del giusto e della legalità: «Sono un gruppo di ragazzi, sono molto giovani, e mi sembrano persone molto pulite con entusiasmo e tanta voglia di fare – ha risposto alle nostre domande Rossella Parisele loro iniziative del passato mi sono piaciute, le condivido, e per questo mi sono candidata con loro. L’onestà di intenti, l’essere non condizionati da altri è perno della mia candidatura. La campagna elettorale? E’ agguerrita, e anche un po’ confusa».

Proposte e idee per la città di Crotone, ha aggiunto il candidato Voce: «I soliti sono quelli che si stanno ammucchiando nel centrodestra, nel centrosinistra, in alto, sopra: questi sono i soliti – ha detto – che sono sempre i soliti del disastro avvenuto a Crotone, e la gente dovrà ricordarsene quando si andrà a votare. Le mie proposte vengono fuori dalla conoscenza del passato, non bisogna ignorare ciò che è stato fatto alla città, e i punti si snodano su alcuni nodi cruciali come l’igiene urbana, la riqualificazione urbana, un ufficio per i finanziamenti europei, la revisione del Psc, ma un vero Psc che sia funzionale alla città. E poi i rapporti con Eni».

Danilo Ruberto