Crotone, tutto pronto per il tradizionale tuffo del primo dell’anno

Crotone, tutto pronto per il tradizionale tuffo del primo dell’anno

Sì, l’ultima pagina del calendario viene strappata per appendere sul muro i nuovi dodici mesi che si apprestano ad arrivare. Manca poco, ormai, quando martedì sera nella notte di San Silvestro saluteremo questo 2019 snocciolando buoni propositi per l’anno nuovo.

Sì, sono giorni di freddo, è pieno inverno… ma gli auspici si affacceranno la mattina del primo gennaio, mercoledì, quando tanti intrepidi eroi si tufferanno nell’acqua fredda del nostro mare per il primo tuffo dell’anno, un evento giunto alla ventiduesima edizione e che si svolgerà, come sempre, presso la spiaggia antistante il Columbus Bar. Dall’Italia settentrionale verso il Mezzogiorno, il tuffo di Capodanno è organizzato in tutte le città di mare. É proprio dal mare che si trae la forza, scalfendo in costume da bagno le onde gelide del freddo inverno. Il nuovo anno non fa timore, così come non fanno paura le temperature basse. La partecipazione è libera come ogni anno, e accompagnata da Enzo Colosimo, storico organizzatore. Si spera, come ogni anno, di raggiungere il numero dell’anno precedente o di superarlo: «Io mi aspetto sempre più gente rispetto allo scorso anno – ha detto Enzo Colosimo, il quale si sta apprestando per gli ultimi preparativi – ma spero sopra i cento. Questa tradizione, come ogni anno, è una maniera piacevole per scambiarci gli auguri del nuovo anno che bussa alle porte. Le previsioni metereologiche dovrebbero essere favorevoli, ma anche se dovesse far freddo si farà lo stesso. Gli agenti atmosferici sono relativi, più fa freddo più il tuffo assume valore».

É una tradizione nata nel 1998, usando gli spogliatoi della Piscina Coni: «L’idea nacque fra me e e Marcello Praticò – ha continuato – sono passati ventidue anni, da allora non ci siamo più fermati. Nasce tutto spontaneamente, è bello accogliere tutti, stare insieme, fare la conta, regalare la foto pre tuffo e poi a mezzogiorno immergerci in acqua tutti insieme. Se poi è bello il tempo sicuramente si aggregheranno anche le discipline sportive come corollario».

Cinque crotonesi, ha ricordato Colosimo, non hanno mai saltato un’edizione, vi saranno come ogni anno non solo i tuffatori veterani ma anche i giovani che si apprestano anche loro al tradizionale bagno. Lo scorso anno, se ricordate, fu premiato il tuffatore venuto da più lontano, mister Damiani, da Bolzano. Presente anche il più esperto, nato nel 1937. Sì, nasce tutto per gioco e per scaldarsi con l’abbraccio natalizio. Scommesse, speranze e pegni da pagare nel primo tutto dell’anno, dove, ogni anno, non mancano le donne insieme ad alcune piccole tuffatrici.