Crotone, una città rimasta a “secco” nel bel mezzo dell’estate

Crotone, una città rimasta a “secco” nel bel mezzo dell’estate


Ritorna la Bella Stagione ma nel territorio cittadino continuano a rimanere “chiuse” le fontanelle, possibile fonte di ristoro nel caldo di queste settimane

L’acqua è l’elemento essenziale del nostro pianeta e del nostro corpo. è la vita, è il ristoro durante il nostro camminare, non manca mai nella nostra giornata e la desideriamo quando l’arsura si fa sentire. Negli ultimi anni ne abbiamo sentito parlare in merito al plastic free; così come sporca le nostre spiagge (tramite la nostra mano) e la ritroviamo negli angoli delle nostre strade, offrendo uno spettacolo indecoroso per noi stessi. La vediamo sgorgare dalle fontanelle dove c’è chi, timidamente, si piega per un po’ di ristoro, per bagnare le labbra e perchè no, per rinfrescare i polsi durante la morsa dell’afa estiva. Mentre il nostro lungomare cittadino non ha ristoro per chi vi passeggia e dove riempire la propria borraccia a favore dell’ordinanza plastic free che fu promulgata lo scorso anno, per una città e una spiaggia libera dalla plastica. Molti centri urbani stanno predisponendo nuove fontanelle ove riempire le borracce d’acqua, per eliminare ciò che ingombra l’ambiente. Con l’acqua delle fontanelle ci si disseta, i bambini lavano le mani dopo aver socializzato e giocato a pallone, evitando anche di affollare i bar per un semplice bicchiere d’acqua, specie nel periodo legato al Covid-19. Le fontane sono arredamenti urbani d’utilità pubblica sparsi per la città e che risultano attualmente inutilizzabili.

Corso Mazzini

Almeno in buona parte. Alcuni però non sembrano averne grande cura, tanto da utilizzarle (come in via Bologna) in “improvvisati” contenitori per l’immondizia. Già in passato con alcuni servizi, CrotoneOk aveva mostrato la presenza di decine di questi arredamenti, che ormai non svolgono più il loro compito da diversi anni, ovvero quello di fornire acqua alla cittadinanza. Ve ne sono diverse di fontane in città che non offrono più il loro zampillio, vuoi per rotture, vuoi per impianti vecchi e desueti, e vuoi per altri motivi. L’estate è entrata nel vivo, e la città non offre acqua gratuita ai suoi residenti. Così come presso la spiaggia pubblica, vi abbiamo raccontato nello scorso numero, molte docce non risultino fruibili, spesso danneggiate e da sostituire completamente.

 

Via dei Goti
Via dei Goti

Prima di scrivere e raccontarvi la città, abbiamo controllato la bella fontana di fronte la Chiesa dell’Immacolata, nella storica piazza nella Crotone di una volta. Basta girare la manovella, e l’acqua sgorga. Ma alcune zone della città sono interessate dal mal funzionamento. Manca dunque la fontanella prima dell’ospedale, stessa sorte è toccata a quella installata anni fa nel parcheggio prima del Tribunale. Così come manca nella fontana di cemento proprio di fronte il grande parcheggio di fronte tribunale (e quindi vicino la scuola Vittorio Alfieri). L’acqua non sgorga più oramai dalla fontana posizionata dell’ex villetta di fronte la scuola Guido Donegani. Un’altra ancora è in via Giacomo Di Vittorio, di fronte l’Inps (anche se nel parco lì vicino ci sono ancora le fontane “di Senatore”), in via Dei Goti la fontana è rotta e non funzionante. Sembra un ossimoro raccontarvi una città di mare, e dunque da amare, priva di questo servizio utile di ristorazione, o di semplice riparo dall’afa estiva. Una necessità in un periodo caldo come l’estate che accompagnerà in queste settimane il territorio.


Come possiamo esserle utili? Chatta con noi