Home Strongoli Ecologia, economia ed energia entra nel vivo il 3E Festival

Ecologia, economia ed energia entra nel vivo il 3E Festival

Fino a domani eventi, cinema, cultura e anche arte in una tre giorni in cui si parla di presente e di futuro

307
0
CONDIVIDI
Michele Affidato – sezione post
Domus Funerarium – Banner News
Omcs – Banner News
Crotone Service – Banner News
Rlm – Banner News
Reale Mutua – sezione post
CrotoneOk – Banner News
Termine-Grosso—News

Dopo il successo della scorsa stagione, ha avuto inizio ieri, e si concluderà domani, la seconda edizione del 3E Film Festival gemellato con l’omonima manifestazione di Vancouver dell’ambientalista Lucinda Jones che sarà presente a tutte le serate dell’evento strongolese. La manifestazione di Strongoli, presentata da Nino Dascola, già dalla scorsa edizione, si è imposta come un importante momento di riflessione e approfondimento sulla necessità di un cambiamento verso stili di vita più sostenibili e responsabili e verso un processo finalizzato alla salvaguardia e valorizzazione delle incomparabili risorse del territorio. Un importante contenitore di idee, esperienze, progetti, professionalità, cultura e arte, che vedrà in scena durante le tre serate una considerevole selezione di film, video e documentari, incontri e dibattiti, spettacoli teatrali e musicali.

Tra le novità in programma, S.T.R.O.N.G., il nuovo lavoro dei fratelli Aldo e Severino Iuliano, un documentario prodotto dall’associazione 3efestival organizzatrice dell’evento. Seguiranno “Da qui in avanti”, documentario di Francesco Bigi, “Demain”, corto di Cyril Dion e Mélanie Laurent, “Resistenza Naturale”, documentario di Jonathan Nossiter, “Fabbricatori di sogni”, documentario di Juraj Horniak, “Ancient Futures: Learning From Ladakh”, Capire il passato per vivere felici, film di Helena Norberg-Hodge.

La serata di oggi sarà dedicata al tema dell’Economia e sarà presentato il progetto pilota “Coltiviamo il Futuro” un’importante iniziativa sperimentale che prevede l’inserimento guidato dei giovani in agricoltura con l’intento di ripopolare la terra, ricreare un ambiente agrario più ricco ed equilibrato, assicurare alla popolazione locale un’alimentazione più sana e variata. Non potevano mancare anche in questa edizione i “Giovani Agricoltori”, grandi protagonisti dell’edizione passata, che riportano con notevole entusiasmo e passione le loro esperienze di vita e di lavoro, a cui si affiancheranno, in questa nuova edizione del Festival, i “Nuovi operatori turistici” che hanno sperimentato nuovi modelli di ospitalità ispirati ad un turismo responsabile, ecosolidale, un nuovo modo per fare economia e per ridare vita e valore ai borghi e alle comunità locali, alla loro storia e alla loro cultura.

Durante le tre sere del Festival è previsto per i bambini un laboratorio creativo organizzato dal Teatro della Maruca dove i più piccoli potranno divertirsi a costruire le proprie marionette con cui l’ultima sera insceneranno un piccolo e divertente spettacolo. Chiuderà il Festival, domani, “La felicità del ritorno e altri sapori”, reading musicale con Carmine Abate e le musiche originali di Cataldo Perri e Lo Squintetto Anche quest’anno la rassegna si terrà in Largo San Giovanni.