Estate di solidarietà con le donazioni

Dopo i numeri pubblicati in occasione della Giornata nazionale del donatore, si implementa il lavoro dell’Avis in vista della stagione estiva
0

Michele Affidato Orafo – News

Dopo anni con il segno meno, torna a salire il numero dei donatori di sangue, che nel 2018 sono stati 1.682.724, con un aumento dello 0,2% rispetto all’anno precedente. Lo certificano i dati del Centro Nazionale Sangue, resi noti in vista della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue che l’Oms ha celebrato il 14 giugno.

Nel corso della conferenza stampa è stato presentato il nuovo portale del Ministero della Salute e Centro Nazionale Sangue dedicato ai donatori: www.donailsangue.salute.gov.it. I nuovi donatori sono poco più di 371mila, in calo del 3,7%, mentre il 91,7% del totale è rappresentato da donatori iscritti alle associazioni di volontari. Sono in leggero calo anche i pazienti trasfusi, che nel 2018 sono stati circa 630mila contro i 637mila dell’anno precedente. In totale le trasfusioni effettuate durante l’anno sono state quasi 3 milioni. Nel 2018 sono stati comunque raccolti 840mila chilogrammi di plasma, 4mila in più rispetto all’anno precedente, pienamente in linea con gli obiettivi del Programma Nazionale Plasma.


Per il sangue è stata garantita anche lo scorso anno l’autosufficienza totale, che per i derivati del plasma è circa al 70%. Il Friuli Venezia Giulia si conferma la regione con il maggior numero di donatori totali, seguito dalla P.A. di Trento e dalla Sardegna. Per quanto riguarda l’andamento 2018, circa metà delle regioni ha fatto segnare un aumento nel numero dei donatori. «Le trasfusioni e le terapie salvavita con i farmaci derivati del plasma sono inseriti nei Livelli Essenziali di Assistenza, ma solo grazie allo sforzo dei donatori e delle loro associazioni è possibile garantirle quotidianamente ai pazienti – ricorda il ministro della Salute Giulia Grillo -. Dobbiamo tutti lavorare per sostenere e sviluppare il sistema sangue italiano, recentemente riconosciuto come un modello da seguire anche dall’Oms, che ci ha affidato l’organizzazione dell’evento globale della Giornata Mondiale dei Donatori del 2020. Proprio la candidatura, così come il nuovo portale sulle donazioni presentato oggi, sono alcuni esempi di una collaborazione sempre più stretta fra tutti gli attori del sistema, a cominciare dal ministero e dal Centro nazionale sangue, indispensabile a questo scopo».

E anche la provincia di Crotone con i suoi donatori, ha contribuito a questo importante risultato. Una realtà che opera attivamente sul territorio e che risponde concretamente e in maniera costante alle richieste della sanità locale. «Operiamo su 23 comuni e anche dove non siamo direttamente coinvolti collaboriamo con le associaizoni di riferimento – spiega il presidente provinciale di Avis Pietro Vitale -. Il nostro è un impegno che dura tutto l’anno ma è innegabile che d’estate aumenta il fabbisogno, basta pensare che, ad esempio, per i microcitemici, in questo periodo, si accorciano gli intervalli tra una trasfusione e l’altra e poi, durante la bella stagione, la popolazione aumenta».

Ecco perché hanno avuto inizio le giornate di raccolta sangue: oggi a Isola Capo Rizzuto; domani a Cutro, Cotronei e Scandale; il 12 a Petilia Policastro; il 14 a Strongoli Marina e Torretta di Crucoli; il 17 Luglio a Pallagorio; il 18 Luglio a Cirò Marina; il 20 a Strongoli; il 21 a Cirò Marina e Torre Melissa; il 27 a Steccato di Cutro; il 28 a Casabona e Isola Capo Rizzuto.