Farmabusiness, Domenico Tallini assolto

Farmabusiness, Domenico Tallini assolto

Agli arresti domiciliari nel novembre del 2020, misura poi revocata dal Tribunale del Riesame;  l’ex presidente del consiglio regionale Tallini  era imputato per illeciti nella vendita all’ingrosso di farmaci da parte della cosca ‘ndranghetista dei Grande Aracri di Cutro (Crotone): l’accusa aveva chiesto sette anni e otto mesi,  nell’ambito del procedimento dall’inchiesta Farmabusiness, istruita dalla Dda  del procuratore Nicola Gratteri.  Sono state assolte altre cinque persone a conclusione del processo in rito abbreviato: 14, invece, i condannati a pene tra i due e i 16 anni di reclusione. La sentenza è stata emessa dal Gup di Catanzaro

«Ho accolto con estrema soddisfazione l’assoluzione perché il fatto non sussiste con cui il giudice ha certificato la totale estraneità di Domenico Tallini alle accuse che gli venivano contestate nell’inchiesta Farmabusiness». A dirlo è  il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo: «Non posso che rivolgere le mie più vive congratulazioni a Tallini – ha aggiunto – così come al suo collegio difensivo, per la capacità di dimostrare l’infondatezza delle accuse. La formula piena con la quale è stato assolto si aggiunge ai pronunciamenti, già in suo favore, del Riesame prima e della Cassazione poi. Tallini si è visto riconoscere ancora una volta la propria rettitudine – ha concluso – e ne sono assolutamente contento».