Ferrarelli nel consiglio di Unioncamere Calabria

Ferrarelli nel consiglio di Unioncamere Calabria

Numerosi e importanti provvedimenti sono stati approvati nella seduta di Giunta della Camera di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia riunita nella giornata del 22 dicembre 2022. Complessivamente, otto i punti inseriti all’ordine del giorno che sono stati licenziati dall’assemblea presieduta dal presidente dell’ente camerale, Pietro Falbo, assistito dal segretario generale, Bruno Calvetta.

Tra i più importanti vi sono l’approvazione del piano di razionalizzazione delle società partecipate e la designazione dei consiglieri camerali in seno al Consiglio di Unioncamere Calabria. In particolare, in qualità di consiglieri camerali sono stati nominati Luigi Alfieri, Giovanni Ferrarelli, Walter Placida e Mirea Rotundo.

Successivamente, è stato dato il via libera ad alcune richieste di compartecipazione progettuali e patrocini. Nello specifico, sono stati stanziati contributi economici nella forma della compartecipazione a sostegno della valorizzazione economica e culturale dei centri storici di Catanzaro e Lamezia Terme per la programmazione dei cartelloni natalizi. Altrettante risorse erano state stanziate già in precedenza, con delibera e sempre nella forma della compartecipazione, per patrocinare gli eventi festivi di Crotone e Vibo Valentia. Approvata anche l’adesione all’associazione Mirabilia Network.

Disco verde poi al progetto Pa digitale 2026, finanziato con fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e volto alla digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni. Le risorse consentiranno di adeguare i servizi digitali permettendo un accesso semplificato alle piattaforme telematiche dell’ente anche con la carta d’identità elettronica.

Sono stati approvati due regolamenti. Il primo per l’assegnazione d’ufficio dei domicili digitali alle imprese e società e per la loro iscrizione nel registro delle imprese, il secondo volto alla costituzione del comitato di imprenditorialità femminile. Entrambi i regolamenti dovranno poi passare al vaglio del Consiglio camerale. Nominato, infine, il Responsabile Protezione Dati (DPO) per l’anno 2023.

Immediatamente, dopo la seduta di Giunta si è riunito il Consiglio camerale che ha approvato il Programma Pluriennale 2022/2027. Si tratta di un documento strategico per la riunificata Camera di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia che detta le linee di intervento e la vision del nuovo ente. Tra i principali obiettivi posti a fondamento del programma vi sono: funzionare bene come pubblica amministrazione di qualità; mettere a fattor comune e ottimizzare tutte le risorse interne ed esterne; unificare i territori integrandone le specificità; rafforzare e valorizzare le relazioni e le collaborazioni con tutti gli altri soggetti che agiscono per lo sviluppo socioeconomico locale e la competitività delle imprese.

Questi valori, assunti come pietre angolari del nuovo ente, sono stati declinati in specifiche strategie volte a rendere competitiva la pubblica amministrazione, le imprese e il territorio assecondando il duplice processo di transizione digitale ed ecologica e di internazionalizzazione favorendo l’espansione delle aziende verso i mercati nazionali ed esteri. Il programma riserva poi particolare attenzione alle strategie di sviluppo turistico da intendersi come linee di intervento capaci di integrare nelle stesse dinamiche di sviluppo le strutture ricettive con i settori centrali dell’agroalimentare, dei servizi e dell’artigianato. Approvati, infine, i progetti di sistema finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico con l’aumento del 20% del diritto annuale per il triennio 2023/2025.

«Con l’approvazione del Programma pluriennale 2022/2027 sono state gettate le basi della nuova Camera di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia» ha dichiarato il presidente Pietro Falbo. «Una pubblica amministrazione trasparente e più vicina alle imprese e al territorio. L’obiettivo che ci siamo posti è quello di crescere assieme alle nostre aziende, di accompagnarle nei processi di promozione e di sviluppo sui mercati nazionali e internazionali e di renderle vero valore aggiunto di una terra che ha grande desiderio di mostrare il suo volto migliore. Rivolgo, infine, il mio augurio di un buon lavoro ai quattro consiglieri camerali designati nel Consiglio di Unioncamere Calabria».