Fiorino e Manica: “Scelta coraggiosa per Crotone: è tempo di uscire dall’Autorità Portuale di Gioia Tauro”

Fiorino e Manica: “Scelta coraggiosa per Crotone: è tempo di uscire dall’Autorità Portuale di Gioia Tauro”

Così scrivono i consiglieri comunali e provinciali Giuseppe Fiorino e Fabio Manica: Il porto, unica infrastruttura per rilanciare Crotone e la fascia jonica calabrese.

Già nel passato, alla presentazione del Masterplan del porto di Crotone, avevamo manifestato tutte le nostre perplessità rispetto allo strumento utilizzato perché più che di un masterplan ritenevamo, e riteniamo, che il porto di Crotone avesse, e ha bisogno di un Nuovo Piano Regolatore Generale , sul quale l’autorità portuale era, ed è in forte e colpevole ritardo.

Complici tutte le amministrazioni comunali succedetesi nel tempo. Sotto quest’aspetto per affrontare e rilanciare le sfide dei prossimi anni, che non possono che partire dal porto, l’unica infrastruttura degna di nota, la città di Crotone ha necessità di scelte coraggiose e ambiziose. Una delle prime è quella di fuoriuscire dall’ Autorità Portuale di Gioia Tauro, con tempi e modalità da stabilire, per aderire, assieme a Corigliano/Rossano, all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Jonio con sede a Taranto.

Fuoriuscita dall’Autorità Portuale di Gioia Tauro che si rende necessaria ed urgente atteso che, venuto meno il vecchio e obsoleto apparato industriale, sul quale il porto si era consolidato e rafforzato, lo stesso non ha trovato una via d’uscita da uno stato di crisi e di stallo che ormai perdura da oltre trent’anni.

Complici anche alcune scelte opinabili, come la gestione da parte della Capitaneria di Porto, ente di controllo con altri mansioni e funzioni rispetto all’attività portuale e, poi, il coinvolgimento dell’autorità Portuale di Gioia Tauro che, com’era prevedibile, ritiene il porto di Crotone periferico, e non strategico rispetto agli interessi complessivi del porto di Gioia Tauro. Adesione all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Jonio che, a nostro parere, è strategica rispetto alle nostre aspettative e alle aspettative della città di Corigliano/Rossano, Comune con il quale si potrebbe già pensare ad un consorzio di rete con tutti i Comuni dell’Alto e Medio Jonio cosentino e crotonese, in merito a pacchetti turistici incentrati sull’enogastronomia e sulle produzione agricole di eccellenza.