Flixbus collega la Calabria: 35 località all’interno della rete

Flixbus collega la Calabria: 35 località all’interno della rete

Riceviamo e pubblichiamo – Da domani, giovedì 6 maggio, FlixBus estenderà i collegamenti a 35 centri sull’intero territorio regionale, con una rete che si estenderà da Sibari fino a Reggio Calabria.

Non solo verranno garantite, e potenziate, le connessioni con molte delle principali città calabresi, ma saranno anche collegate alcune fra le più piccole località della regione, con il duplice obiettivo di assicurare anche a chi risiede in aree poco collegate la possibilità di spostarsi e di veicolare i flussi di visitatori lungo itinerari meno battuti, creando opportunità per il turismo locale.

Nel Cosentino: dalla costa ionica alla valle del Crati, passando per la Sila Greca e il Pollino

Nel Cosentino, Tarsia, Spezzano Albanese, Luzzi, Mongrassano e Bisignano si andranno ad aggiungere a Cosenza e Rende fra i comuni già collegati nella Valle del Crati, mentre San Giorgio Albanese, Vaccarizzo Albanese e Santa Sofia d’Epiro si affiancheranno ad Acri e San Demetrio Corone fra quelli già raggiungibili nell’area silana. Rimarranno attive e saranno potenziate le tratte da e per vari comuni della costa ionica, tra cui Corigliano-Rossano, Cariati e Sibari. Completano il quadro le tratte operative con Frascineto, Firmo e Mormanno, nell’area del Pollino.

Nel Catanzarese: Lamezia Terme crocevia strategico per le rotte fra Sicilia e Italia continentale

Lamezia Terme continua a rappresentare una tappa d’eccezione all’interno della rete nazionale di FlixBus, fungendo da snodo nevralgico di interconnessione per le tratte che collegano la Sicilia all’Italia continentale. Emblematiche di questa funzione sono le tratte operative da domani verso mete quali Messina, Taormina, Catania e Siracusa e, nelle altre direzioni, Taranto, Bari, Roma e Siena, che, oltre a offrirsi come opzione di viaggio ideale per una vacanza in Italia, permetteranno ai turisti in arrivo dalle altre regioni di scoprire Lamezia e il suo patrimonio artistico e culturale.

Nel Crotonese: sono cinque le fermate collegate in provincia, dal capoluogo a Torretta Crucoli

Sono cinque i centri collegati da FlixBus in provincia di Crotone: oltre che nel capoluogo, infatti, gli autobus verdi fermano nelle località balneari di Strongoli Marina, Torre Melissa, Cirò Marina e Torretta Crucoli. Ai collegamenti già attivi con Roma si aggiungeranno da domani tratte dirette con importanti mete del Sud Italia, quali Napoli, Salerno, Caserta e l’aeroporto di Capodichino, e varie destinazioni del Centro-Nord, come Firenze, Siena, Perugia, Bologna, Modena e Bergamo, che consentiranno al territorio di beneficiare di nuovi arrivi in vista della stagione turistica.

Nel Vibonese: collegate Vibo Valentia e Pizzo

Anche Vibo Valentia e Pizzo rientrano fra le città connesse dalla rete FlixBus in Calabria: mentre il capoluogo di provincia si offre come punto di partenza ideale per un viaggio in Sicilia, grazie ai collegamenti con Messina, Taormina e Catania, o alla scoperta del Centro-Nord, grazie alle rotte attive verso Roma, Siena, Firenze, Bologna, Parma, Milano e Torino, Pizzo si offre come meta balneare privilegiata per i turisti in arrivo dalla Capitale, oltre che da Firenze, Bologna, Parma, Milano e Torino.

Nel Reggino: con Palmi, salgono a cinque le fermate in provincia

Toccano quota cinque le destinazioni collegate da FlixBus nel Reggino: da Reggio Calabria a Rosarno, passando per Villa San Giovanni, Palmi e Gioia Tauro, il litorale tirrenico e la Piana di Gioia sono connessi capillarmente, a vantaggio sia dei residenti, che possono usufruire di una soluzione di viaggio pratica ed economica per raggiungere destinazioni di interesse come  Roma, Firenze, Bologna, Parma, Milano e Torino, sia del territorio, che può beneficiare dell’afflusso di visitatori in arrivo dal centro e dal nord Italia.

Sicurezza a bordo: tutte le misure messe in atto da FlixBus 

Per tutelare la salute dei passeggeri e del personale di bordo, e garantire così a tutti una piacevole esperienza di viaggio, FlixBus ha implementato un esaustivo protocollo di sicurezza: tra le misure implementate, si possono citare la sanificazione degli autobus al termine di ogni corsa, l’obbligo di mascherina per l’intera durata del viaggio e nelle fasi di imbarco e di sbarco e la misurazione della temperatura e il controllo touch-less di biglietti e documenti al momento del check-in.

Una panoramica completa delle misure di tutela della salute implementate da FlixBus è visibile qui.

In Italia collegate 150 città in tutto, con un occhio alla sostenibilità 

Sono circa 150 le destinazioni che FlixBus collegherà a partire da domani in 18 regioni italiane, con una rete che si estenderà dal Friuli-Venezia-Giulia fino alla Sicilia.

Come sempre, la società ha adottato un approccio fortemente intermodale alla pianificazione della propria rete ampliando i collegamenti con le autostazioni e stazioni cittadine e gli aeroporti, in linea con l’ideale di una grande rete di mobilità integrata in cui l’uso combinato di più mezzi collettivi vada a sostituirsi a quello dell’auto privata, con benefici per l’ambiente.

In particolare, la possibilità di sinergie modali col trasporto pubblico locale presso le autostazioni e le stazioni ferroviarie cittadine consentirà ai visitatori di esplorare con facilità le aree attigue senza ricorrere alla propria auto privata, in linea con l’ideale di un turismo lento e di prossimità, caratterizzato da un impatto ambientale ridotto e da un approccio immersivo al viaggio.

Rafforzata la frequenza sui collegamenti internazionali: più di 30 città collegate  

Infine, FlixBus continuerà a garantire la possibilità di viaggiare da e verso l’estero in totale sicurezza grazie ai numerosi collegamenti internazionali attivi verso 30 destinazioni. Con pochi cambi, si potranno raggiungere dalla Calabria importanti mete europee come Parigi, Barcellona e Monaco di Baviera, come sempre in totale sicurezza e a fronte di una spesa contenuta.

«Come entità italiana, vogliamo innanzitutto consentire a chiunque di spostarsi sull’intero territorio nazionale e, così, valorizzare al meglio il nostro patrimonio, dal Friuli alla Sicilia. Allo stesso tempo, in linea con la visione globale che ci accompagna dalla nascita, continueremo a garantire sempre un servizio internazionale di mobilità che permetta a tutti, in ogni momento e a fronte di una spesa contenuta, di esplorare il mondo o, viceversa, di tornare a casa e ricongiungersi con i propri affetti, in totale sicurezza», ha affermato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.