Focolaio Covid al San Giovanni di Dio, interviene la Fials

Focolaio Covid al San Giovanni di Dio, interviene la Fials

A seguito della segnalazione di un focolaio in uno dei reparti del San Giovanni di Dio di Crotone interviene anche la Fials.

“E’ allarmante – si legge in una nota firmata dal presidente Francesco Sarcone – ciò che sta avvenendo presso il Presidio Ospedaliero del San Giovanni di Dio dell’ASP di Crotone e nello specifico nell’U.O. di Medicina Generale, ove si è verificato un grande focolaio di Covid 19, che ha
coinvolto quasi la totalità degli operatori della stessa U.O. e pazienti, con la speranza che non si sia propagato
ad altri operatori e pazienti.
Visto il momento pandemico, potrebbe essere “normale” tutto ciò e può verificarsi tale episodio, ma non
rientra nella normalità l’atteggiamento di alcuni Dirigenti Sanitari nella gestione e prevenzione del focolaio
stesso per la tutela del personale Medico Infermieristico ed OSS della stessa U.O. di Medicina e di tutto il
nosocomio Ospedaliero”.

Il sindacato evisenzia una falla nel sistema di tracciamento, con tamponi non effettuati e altre prassi non seguite.

“Chiediamo – scrive la Fials – un incontro urgente con l’azienda sanitaria,per stabilire una procedura veloce di contenimento
e prevenzione e ci riserviamo ulteriori azioni sindacali per tutela della salute e della incolumità nei
confronti di tutti i dipendenti nel rispetto delle norme ANTICOVID 19, già operative ed esistenti per
risolvere le suddette gravi problematiche che con la presente stiamo evidenziando.