(FOTO) Cutro, confronto aperto sul Pnrr tra associazioni di categoria e giovani imprenditori

(FOTO) Cutro, confronto aperto sul Pnrr tra associazioni di categoria e giovani imprenditori

“Pnrr – Imprenditoria giovanile e futuro: quali opportunità”, è stato questo il titolo di un seminario organizzato da Ricostruiamo Cutro che si è svolto ieri sera nella città degli Scacchi, in piazza Rino Gaetano.

A confrontarsi i referenti delle associazioni di categoria del territorio che hanno risposto ai quesiti a loro rivolti da giovani imprenditori. Ad aprire i lavori Rino Lerose del movimento politico Ricostruiamo Cutro: «Un paese che non guarda ai propri giovani non ha futuro» ha detto spiegando il senso dell’iniziativa che ha avuto lo scopo di stimolare e supportare i giovani e le realtà imprenditoriali del territorio. «E’fondamentale – ha continuato Lerose nel suo intervento – guardare alle tante opportunità del mondo del lavoro.

Il Pnrr rappresenta per noi l’ultima occasione e spero che le risorse potranno essere spese bene per dare l’opportunità ai nostri giovani di rimanere in Calabria creando prospettive di crescita ma per fare questo bisogna lavorare in sinergia: istituzioni, associazioni di categoria, enti».

Nel corso del seminario sono intervenuti i relatori. Antonio Mazzei, in rappresentanza di Fincalabra ha posto l’attenzione sulle risorse destinate alle donne per raggiungere la parità di genere nelle aziende ricordando anche l’importanza di rimanere sempre al passo con i tempi: «Oggi – ha evidenziato – si parla di sostenibilità, digitalizzazione, transizione digitale all’interno delle imprese ed è su questo che bisogna puntare», poi aggiunge: «Bisogna prepararsi e arrivare attrezzati anche ai bandi».

Gli ha fatto eco Francesco Mazzei della sezione servizi alle imprese Confindustria Crotone che ha ricordato l’importanza di rivolgersi alle associazioni di categoria «per tenersi informati e per avvalersi delle strutture che seguono i bandi e sono informati quotidianamente».

Ad intervenire poi Giuseppe Scandale, presidente Confcommercio Cutro: «Il Pnrr – ha detto – è una opportunità che necessita di un confronto continuo tra le parti sociali, che avranno il compito di valorizzare i loro ruoli perché serve a noi e a tutte le forze politiche la necessità di un cambiamento per sciogliere tutti i nodi strutturali. È importante che i comuni intercettino le risorse necessarie che, come previsto, devono essere investiti per lo sviluppo digitale del paese, lo sviluppo verde e il miglioramento delle infrastrutture. Quest’ultimo punto è per noi fondamentale per lo sviluppo del turismo, unica risorsa naturale che abbiamo》.

Scandale, rispondendo a una delle tante domande rivolte ai relatori, si è rivolto ai giovani: 《Studiate, formatevi e quando deciderete di fare impresa rivolgetevi alle associazioni di categoria, circondatevi di persone affidabili, validi collaboratori e soprattutto consulenti preparati. Con questi ingredienti non potrete non avere successo》.

Il presidente di Confcommercio Cutro ha concluso il suo intervento con il pensiero del presidente Nazionale, Sangalli: “In uno dei suoi interventi ha detto: con il Pnrr, se non riparte il mezzogiorno, non riparte il paese – e aggiungo che quindi sarà di nuovo un fallimento».

L’ultimo a prendere la parola è stato il giovane imprenditore Giuseppe Muto.